rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Musica

Gianluca Grignani senza filtri: "Il buio, la rinascita e chi mi ha tradito"

In occasione dei suoi 50 anni il cantautore ha parlato a ruota libera della sua musica e dei suoi nuovi progetti, senza dimentica chi si è approfittato della sua bontà

Gianluca Grignani oggi festeggia 50 anni. Il cantante dall'anima rock per cinque anni è stato lontano dai riflettori, si è chiuso in una camera della sua casa, l'ha trasformata in uno studio e lì ha dato vita a ben 3 album, che comporranno un unico racconto, e ad un libro. Il 22 aprile uscirà A Long Goodbye, il suo nuovo singolo dal titolo inglese, ma con il testo quasi tutto in italiano. Sarà una ballad rock-blues che proporrà anche nelle date estive del suo tour "Living rock and roll tour".

La sua esibizione con Irama a Sanremo ha lasciato il segno e purtroppo non solo per come i due hanno duettato. L'onda di dei commenti cattivi sui social, che sono andati a criticare il cantautore per il suo aspetto fisico, sono quasi riusciti a superare il successo dell'esibizione. Guardando a febbraio però Gianluca non rimpiange nulla, anzi, ci ritornerebbe subito, andrebbe anche allo Zecchino d'Oro pur di cantare e di stare a suo agio. Quest'anno all'Ariston è stato un successo: "Guarda che accoglienza che ho avuto! È stato super, forse anche perché ero ospite e non in gara".

Grignani per i suoi 50 anni non ha in programma alcun festeggiamento, vuole stare da solo, la festa arriverà fra qualche mese, confida a Rolling Stone. Per lui nessuna crisi di mezza età e la cosa lo "preoccupa perché non vorrei svegliarmi un giorno e sentirmi improvvisamente vecchio". Anche perché lui le crisi le ha dall'età di sette anni e il momento che sta vivendo lo ha fatto riscoprire "giovane": "Mi accorgo che ho ancora molto da fare. La cosa mi stupisce, non me l’aspettavo".

Il nuovo Gianluca Grignani

Ha vissuto un periodo travagliato. Gli ultimi cinque anni sono stati difficili ma anche molto prolifici, ma è pronto a mettersi alle spalle quegli anni e voltare pagina: "Ho tre dischi in uscita, un concept diviso in tre capitoli: sono il frutto di questi anni difficili".

I tre album nascono dall'ispirazione che gli ha donato Non al denaro non all’amore né al cielo di De André, parleranno di persone e il flusso creativo è stato così straripante che ha composto circa 150 brani, ma di questi ne sceglierà solo 30.

Da sempre si considera un artista indie, nel senso più letterale del termine, ovvero indipendente e adesso capisce l'importanza di essere compreso se non al primo al secondo ascolto. Per questo motivo delle sue nuove canzoni afferma che sono figlie del nostro tempo, "molto accessibili": "Saranno anche i cinquant’anni, ma mentre prima non m’interessava una risposta immediata del pubblico, adesso la voglio e quindi cerco di essere compreso subito, di essere popolare".

Grignani, i rapper, la "nuova" musica e il dissing con Marracash

Negli ultimi anni il panorama musicale italiano è cambiato molto, come testimoniano anche le classifiche dei brani, e artisti, più ascoltati. Grignani però non ha paura ed è sicuro che ci sia spazio anche per i suoi nuovi lavori: la casa discografica ha fatto un'indagine di mercato dalla sua casa discografica ed è emerso che il mondo rap gli vuole bene. Chi fa musica urban lo ama e a lui piacciono molto artisti come Blanco, Shablo, Guè. Trova che rap sia molto "rock, rivoluzionario, selvaggio" e lo stesso i rapper pensano di lui "rivedono (in lui) queste caratteristiche; il disprezzo per l’autorità, la coerenza artistica, l’essere di strada".

Parlando di rapper impossibile poi non citare la canzone A volte esagero, titolo omonimo del suo disco del 2014, di Marracash, con Salmo e Coez, in cui dissa, come si dice in gergo, lo stesso Grignani. "Ogni volta mi guardo allo specchio, mi tocco le pal*e, pensando a Gianluca (Grignani) Grignani, Grignani, ogni volta mi guardo allo specchio mi tocco le pal*e, pensando che alle volte esagero", queste le frasi di una strofa. Ma il cantautore afferma di non essersela mai presa, sa che il dissing, fare nomi e cognomi, è parte del rap, ma aggiunge un particolare: "Però poi quando ho cercato uno di loro per dirgli che volevo fare altrettanto, è scomparso".

Gianluca Grignani e chi lo ha tradito

Presto uscirà un suo libro autobiografico dove racconta "tutto". Riguardo a questo progetto editoriale ha un desiderio: vorrebbe che le persone che lo hanno tradito, e sono molte, facessero mea culpa e gli chiedessero scusa. "Con il libro si capirà quanto sono stati forti e violenti i tradimenti". Grignani non ha rancore, però ammette che con alcuni è stata una persona "troppo buona e alcuni ne hanno approfittato".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gianluca Grignani senza filtri: "Il buio, la rinascita e chi mi ha tradito"

Today è in caricamento