Lunedì, 17 Maggio 2021
monta la discussione

Mario Biondi: “Boicottate le radio che non passano la musica italiana”. E sui social si grida al sovranismo

Monta la discussione per l'appello del cantante catanese. Molte le critiche: "Ma tu canti in inglese!"

Mario Biondi

“Volete fare i rivoluzionari? Volete fare qualcosa per la musica italiana? Esortate tutte le radio che programmano musica straniera a proporre musica nazionale o boicottatele. Fatelo per una settimana, se non bastasse per due, ma siate coerenti e vedremo insieme se essere uniti per la musica può servire. Coraggio!”: questo il monito social con cui Mario Biondi ha chiesto ai fan di mobilitarsi affinché sostengano la musica italiana in un momento delicato come quello attuale. Il messaggio è stato postato dal cantante a corredo della foto di un vecchio modello di radio e gli hashtag  #musicaitaliana e #sosteniamolanostramusica stanno veicolando nelle ultime ore una discussione che si alimenta a colpi di osservazioni contrarie al drastico consiglio. Molti, infatti, sono coloro che stanno rimproverando all’interprete catanese di essere riuscito a raggiungere il successo proprio grazie a brani cantati in inglese (la svolta professionale, infatti, risale al 2004 con il suo ‘This Is What You Are), tra cui anche il conduttore Fabio Canino che su Twitter ha scritto: “Scusate così per sapere...ma Mario Biondi, quello che vorrebbe boicottare le radio italiane che non trasmettono abbastanza canzoni italiane, non è quello che canta in inglese? #sovranistidestacippa”.

“Lui che canta in inglese vuole boicottare le radio che non trasmettono canzoni italiane... È la barzelletta del giorno” ha scritto uno tra i tanti a cui hanno fatto eco anche coloro che, per criticarlo, hanno usato un linguaggio scurrile.

mario biondi-4

Mario Biondi, attaccato sui social, si difende

Accusato per un pensiero da molti criticato in modo violento, Mario Biondi ha così replicato: “Sovranista, rincoglionito, incoerente, sfigato, scemo, stupido, assurdo, imbarazzante, poco serio, da abolire, blasfemo, ridicolo. Le persone frustrate devono necessariamente vedere il peggio negli altri per sentirsi migliori”, ha scritto su Facebook: “Avete una vaga idea di quanti artisti italiani cantino in lingue diverse dall'italiano? Sono italiani? Cantano musica italiana in lingue diverse? Non è sempre musica italiana? Non in italiano …. Io vorrei che le radio sostenessero il prodotto italiano. Vi è chiaro adesso? Se non vi è chiaro, avete qualche problema di udito", ha aggiunto in un video.

Selvaggia Lucarelli critica l’appello di Mario Biondi: “Un’idiozia”. La replica 

Anche Selvaggia Lucarelli è intervenuta sulla questione, argomentando in tre punti il motivo del suo dissenso rispetto al pensiero di Mario Biondi. “Devo dire che di idiozie ne ho lette tante, ma questa le batte tutte”, ha scritto la giornalista su Instagram: “a) Mario Biondi invita a boicottare le radio che programmano musica straniera. Dunque resteranno solo Radio Italia e Radio Margherita-la tua radio preferita. b ) Mario Biondi aiuta i cantanti italiani disoccupati invitandoli a boicottare radio italiane, con migliaia di dipendenti italiani, così magari diventano disoccupati pure loro. c) Mario Biondi nuova bandiera del sovranismo, lui che non ha mai cantato una canzone in italiano in vita sua, manco sotto la doccia”.

Pronta la replica del diretto interessato: “Un cordiale saluto alle signore ed ai signori presenti. Il termine idiozie mi ricorda una pubblicità. Mi dispiace non aver stimolato la vostra fantasia verso un pensiero positivo. L’idea era: sostegno alla musica made in Italy. Ogni bene a tutti voi. Mario”.

mario selvaggia-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mario Biondi: “Boicottate le radio che non passano la musica italiana”. E sui social si grida al sovranismo

Today è in caricamento