Sabato, 17 Aprile 2021
(nessun video da visualizzare)

Random: "Sul cantiere ho capito che la musica era la mia strada"

Le canzoni scritte in testa quando faceva il muratore e quel mese di tempo chiesto al papà per provare a "spaccare". Ci è riuscito: milioni di stream, 6 dischi di Platino e quest'anno il debutto a Sanremo tra i Big. Il 2 aprile esce 'Nuvole', il nuovo album: "Ci ho messo tutte le mie paranoie, le mie insicurezze e il mio essere, in modo che tutti i problemi escano insieme al disco" racconta a Today

A un mese dal Festival di Sanremo, Random esce con il nuovo album 'Nuvole', scritto interamente da lui. "E' un disco di passaggio" racconta in questa intervista a Today, spiegando: "Ogni pezzo del disco è un po' come una nuvola. In base a chi sei e a quello che senti, ogni canzone ti può dire una cosa diversa, come una nuvola che a volte può sembrarti un cuore poi se la riguardi è un cagnolino. E' un disco che ha tutto, ci ho messo tutte le mie paranoie, tutte le miei insicurezze e il mio essere, in modo che all'uscita tutti questi problemi volino insieme al disco". In questo progetto discografico anche Gio Evan, Carl Brave e Samurai Jay, Etnico e Guè Pequeno: "Non ho voluto fare featuring giusto per farli ma per creare una fusione tra più artisti. Ognuno di loro è perfetto per quel pezzo".

Random, 19 anni, è tra i più giovani cantautori del panorama musicale italiano. Sugli inizi ci ha raccontato: "Ho capito che la musica era la mia strada sul cantiere. Ero lì tutte le mattine dalle sette fino alle otto di sera a montare mattonelle e in testa suonava la musica. Avevo in mente solo i motivetti delle mie canzoni ma non potevo scriverle, quindi ho iniziato a scriverle nella testa e faccio così anche adesso. Su quel cantiere ho capito che la musica sarebbe stata la mia strada e che non ero nato per fare quella vita. Mio padre è un muratore, ha una sua ditta, è un lavoro umilissimo che ti da tante soddisfazioni e mi ha dato l'opportunità di riflettere su me stesso a 360 gradi. Lì ho capito che volevo fare musica".

"Un giorno ho chiesto a mio padre di darmi un mese di tempo per poter fare musica - continua - Gli ho detto che se in un mese non spaccavo mi sarei concentrato sul lavoro. Ho superato i miei limiti, ho scritto 'Chiasso', ho fatto il video, avevo 17 anni. La cosa che più mi rattrista della mia generazione è sapere che molti non hanno il coraggio di inseguire il proprio sogno, altri invece non ne hanno nemmeno uno". 

Napoletano, nato a Massa di Somma, Random da diversi anni vive a Riccione: "Ci sono tanti valori della mia terra nella mia musica. La famiglia, l'amore, il rispetto. Sono un napoletano che vive a Riccione, una città che amo, ma il mio sangue è blu". 

Si parla di

Video popolari

Random: "Sul cantiere ho capito che la musica era la mia strada"

Today è in caricamento