Lunedì, 2 Agosto 2021
Musica

Rovazzi rivela: "Fedez? Un malfidato, fatica a stringere legami"

L'artista torna a parlare del divorzio professionale dal rapper

Fedez, 31 anni, Rovazzi, 27

Era il maggio del 2018 quando Fedez e Fabio Rovazzi finivano al centro della scena mediatica a causa di una improvvisa rottura dei rapporti. Al termine di una collaborazione artistica che li aveva portati a mettere a segno successi estivi come Andiamo a comandare, i due si allontanavano definitivamente. A tornare su quanto avvenuto all'epoca è oggi il cantante 27enne, solitamente restio a parlare della vicenda almeno quanto il suo ex "compare". 

"Mischiare amicizia e lavoro? Troppo pericoloso"

C'è una lezione che Fabio ha imparato da quanto avvenuto. Ed è che "mischiare il lavoro all’amicizia è sempre molto pericoloso", dichiara. "È una situazione difficile da spiegare quella lì, come posso spiegartela? Non si può spiegare. Soprattutto io non ho mai voluto portarla sul piano pubblico, mi è sempre piaciuto parlare vis a vis con le persone. E così ho fatto poi con lui: dopo tutte le cose che sono successe io penso di averlo visto almeno due volte, parlando di tutto quanto e chiarendo parecchi aspetti di tutta la situazione. E mi dispiace, sostanzialmente mi dispiace molto perché era un’amicizia vera, nel senso che siamo diventati amici molto prima che io diventassi quello che sono, era nata in modo super spontaneo ed era un’amicizia vera", prosegue Rovazzi. 

"Fedez fatica a stringere legami"

A proposito della personalità di Fedez, aggiunge: "Poi da un lato, c’è una persona che fa veramente fatica a stringere dei legami, a differenza mia, nel senso che è molto malfidato di default lui. Mi è dispiaciuto che abbia dovuto portarla sul piano pubblico, quando potevamo oggettivamente parlarne tranquillamente. L’unica cosa che posso dire riguardo a quella situazione è che sono molto dispiaciuto, quello sì, quello sicuramente".

Parole che raccontano come, nel corso di questi anni, i due artisti si siano tutt'altro che riavvicinati. Resta però, almeno da parte di Rovazzi, "gratitudine a Fedez per quello che ha fatto per me, per la spinta che mi ha dato all'inizio e per la mano che mi ha dato", ha dichiarato in passato. 

La versione di Fedez: "Una società speculare alla mia mentre mia moglie era incinta"

Va precisato che lo stesso Fedez, in occasione di un'intervista rilasciata tempo fa, imputava a se stesso di avere un carattere complicato da gestire. "Non so se la separazione sia da imputare al mio carattere impulsivo, devo sbatterti in faccia quello che penso nella maniera più brutta possibile. Sono partito per quattro, cinque mesi con mia moglie incinta (Chiara Ferragni, ndr, all'epoca in attesa di Leone, nato del 2019) e nel periodo più difficile della mia vita. In quella fase ho scoperto che un nostro collaboratore aveva aperto una società speculare alla nostra. Lui ha cercato di portare via le persone che lavoravano con me, a partire da Fabio". E ancora: "Quando è nato Leone, Fabio non mi ha mandato neanche un messaggio". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rovazzi rivela: "Fedez? Un malfidato, fatica a stringere legami"

Today è in caricamento