Domenica, 11 Aprile 2021

Toto Cotugno accartoccia la lettera dell'Ucraina: "Il concerto a Kiev si farà"

Intervistato a La vita in diretta, il cantante inserito nella "black list" dell'Ucraina, ha dichiarato di non avere alcuna intenzione di fermarsi

Foto da Facebook @lavitaindireta

Dopo essere stato inserito nella "lista nera" delle persone che non possono entrare più in Ucraina, insieme al collega e amico Al Bano, Toto Cotugno è stato raggiunto dai microfoni de La vita in diretta e ha espresso la sua opinione riguardo alle vicende delle ultime settimane, ma, soprattutto, ha detto chiaramente cosa ha intenzione di fare.

Toto Cotugno: "Il concerto a Kiev si farà"

Il cantante non vuoe assolutamente fermare la sua musica e i suoi concerti. Così, accartocciando simbolicamente la lettera ricevuta da uno dei deputati ucraini ha detto:

"Certo che ci sarà il concerto a Kiev, 4mila persone verranno e io, come sempre, li voglio emozionare e non li voglio deludere. Ho invitato il deputato che ha scritto la lettera a venire al concerto perché voglio conoscerlo e stringergli la mano e magari dopo aver ascoltato le mie canzoni cambia opinione su di me e capisce che io sono uno vero e faccio questo mestiere con amore e giro il mondo per far ascoltare le mie canzoni".

Toto Cotugno: "Niente risarcimento danni"

Toto Cotugno ha anche dichiarato di avere opinioni diverse rispetto ad Al Bano e di non voler chiedere il risarcimento danni: 

"Al Bano è mio fratello, ci siamo sentiti mi ha fatto parlare col suo avvocato per quella cosa che vuol fare ma noi rinunciamo perché vogliamo stare tranquilli e fare la nostra musica", ha detto il cantante sottolineando però che non si possa dire che lui è una spia filcomunista: "E' un'offesa alla mia dignità di uomo, non può dirlo se non ha le prove. Tiri fuori le prove e io pago quello che devo pagare".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toto Cotugno accartoccia la lettera dell'Ucraina: "Il concerto a Kiev si farà"

Today è in caricamento