rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Spettacoli&Tv

Da Napoli a Hollywood: la storia di Sorrentino, regista da Oscar

I primi passi da regista e sceneggiatore, il sodalizio artistico con l'attore Toni Servillo e i successi internazionali a Cannes: chi è l'uomo che ha riportato l'Oscar in Italia

ROMA - Il regista che a 15 anni dalla vittoria di Roberto Benigni con "La vita è bella" riporta l'Oscar in Italia è nato a Napoli nel 1970.

Paolo Sorrentino, regista, sceneggiatore, scrittore e anche attore, con una piccola parte ne "Il caimano" di Nanni Moretti, a 17 anni è rimasto orfano, e dopo un periodo di studi di economia e commercio a 25 anni ha iniziato il suo percorso nel cinema. L'esordio è con i cortometraggi, da "Un paradiso" a "L'amore non ha confini", del 1998. Il primo lungometraggio è "L'uomo in più", film presentato nel 2001 a Venezia, dove inizia il sodalizio artistico con l'attore Toni Servillo, e che ottiene un Nastro d'argento per il miglior regista esordiente.

I SUCCESSI A CANNES - Nel 2004 approda al festival di Cannes con "Le conseguenze dell'amore", in cui Servillo interpreta un uomo d'affari dalla vita rigida e monotona che porta in Svizzera i soldi della mafia. Il film vince cinque David di Donatello. Sempre a Cannes Sorrentino torna nel 2006 con "L'amico di famiglia", film su un usuraio di provincia dalla vita cupa, avido e crudele, interpretato da Giacomo Rizzo. Ma è nel 2008 che per Sorrentino arriva il vero successo internazionale, quando con il suo film su Giulio Andreotti, "Il divo", vince a Cannes il premio della giuria, che festeggia sulla Croisette insieme a Matteo Garrone, vincitore del Grand Prix con "Gomorra".

E proprio quell'anno a Cannes incontra Sean Penn, che elogia il suo film e si dice disponibile a collaborare con lui: nasce così il primo film in lingua inglese del regista, "This must be the place", con Penn nel ruolo di una ex rockstar.

Dopo l'esordio americano Sorrentino torna a Roma, nella città in cui vive con la moglie giornalista e i due figli, per raccontare la decadenza della città eterna: "La grande bellezza" viene presentato nel maggio scorso al festival di Cannes e da lì inizia il suo percorso di successi che lo ha portato fino all'Oscar 2014 come miglior film straniero.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Napoli a Hollywood: la storia di Sorrentino, regista da Oscar

Today è in caricamento