rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Spettacoli&Tv

Rino Gaetano, storia del genio di ieri che cantò la realtà di oggi

Sono trascorsi 36 anni dalla morte del cantautore crotonese che ancora oggi è conosciuto e amato da fan di tutte le età. Insieme ad Anna Gaetano, sorella di Rino, ’Today’ ha voluto tracciare un ritratto dell’artista e del ragazzo che fosse scevro da costrutti e mitizzazioni, perché sulla sua vita come sulla sua morte, è stato detto, scritto, messo in scena sotto forma di fiction televisiva, tutto e il contrario di tutto. “Oggi Rino manca e non solo a me” dice Anna che ci anticipa l’uscita di un libro “dal titolo forte” in cui sarà lei a raccontare tutta la verità sul suo fratello

Rino Dona-3

Qualcuno lo ha scritto sul tronco di quell’albero di via Nomentana: “Genio di ieri, realtà di oggi” si legge sotto alle foto che celebrano la memoria di Rino Gaetano, il cantautore crotonese che lì, in una notte di giugno del 1981, perse la vita in un incidente d’auto. 

Basta ascoltare un brano di Salvatore Antonio Gaetano, di Rino, per capire come mai. Basta leggere tra le righe di un verso, fermarsi a cogliere la potenza del messaggio, sprofondare oltre la superficie di un testo per comprendere perché, a distanza di 36 anni, il ricordo di questo eternamente giovane uomo profumi ancora di fiori freschi.

Geniale nell’evidenziare prima di tutti i problemi che in Italia non si sarebbero mai risolti, Rino Gaetano ha attraversato gli anni 70 con la grazia lieve eppur dirompente di un ragazzo che nel pieno della sua giovinezza ha irradiato il coraggio di dire per osare, di indagare per conoscere. 
E la sua grandezza è stata tale e tanta da sconfinare oltre ogni arco temporale per restare, perfetta, nella dimensione rarefatta del per sempre.

Il 2 giugno scorso sono state 30mila le persone di tutte le età che si sono riunite in piazza Sempione - cuore del quartiere romano di Monte Sacro dove il cantante visse da quando, intorno ai 10 anni, si trasferì da Crotone con la famiglia - per ricordarlo nel giorno dell’anniversario della sua morte.
Insieme alla Rino Gaetano Band, il gruppo musicale che dal 1999 tiene viva la gioia di sentirsi fan di Rino, una fiumana di gente ha urlato all’unisono i versi di questo “eroe a tempo perso” che, con un cilindro in testa e la chitarra in mano, seppe incastrare l’Italia nel pentagramma asfittico di una realtà ingiusta, meschina, ipocrita. 

Al di là di ogni data commemorativa che tributa all’artista Gaetano la gratitudine per le sue canzoni senza tempo, Today ha voluto tracciare un ritratto di Rino che fosse scevro da costrutti, sovrastrutture e mitizzazioni. 
Perché sulla sua vita come sulla sua morte, è stato detto, scritto, messo in scena sotto forma di fiction televisiva, tutto e il contrario di tutto.

Anna Gaetano, la sorella di Rino che con impegno e amorevole dedizione tiene oggi vivissima la sua memoria, ci ha aiutato a delineare i contorni reali di un personaggio che prima ancora di essere artista era una persona. Con lei abbiamo attraversato i momenti salienti della storia di un ragazzo allegro e curioso, segnato da pregi e difetti, che viveva il suo presente come tanti della sua età e sognava un futuro che oggi esiste grazie alle sue canzoni. 

(Continua a leggere dopo il video)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rino Gaetano, storia del genio di ieri che cantò la realtà di oggi

Today è in caricamento