rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Sanremo 2013

La seconda serata di Sanremo 2013

Dopo i Big, entrano in scena i Giovani. Siparietti comici tra la Littizzetto e Carla Bruni mentre Bar Refaeli incanta l'Ariston e l'israeliano Asaf Avidan commuove la platea con "One Day"

La seconda serata del Festival di Sanremo 2013 si apre nel segno di Domenico Modugno con Beppe Fiorello che indossa la giacca appartenuta al Mimmo Nazionale per raccontare la genesi di "Volare" e cantare alcune delle sue canzoni più famose. Il clima della serata è più disteso, nonostante la tragedia che ha colpito di Ricchi e Poveri, rispetto alla prima serata, "funestata" dalle contestazioni a Maurizio Crozza.

ECCO I BIG - Bar Refaeli è bellissima e il gioco delle parti con la Littizzetto funziona. I primi Big ad esibirsi sono i Modà con "Se si potesse non morire" e "Come l'acqua dentro il mare". Vince la prima canzone, premiata dalla coppia Eleonora Pedron-Max Biaggi. Poi è il turno di Simone Cristicchi, già vincitore del Festival nel 2007, con "Mi manchi" e la surreale "La prima volta (che sono morto)", premiata dalla campionessa olimpionica Jessica Rossi. 

CARLA' E LUCIANINA - L'ex première dame Carla Bruni, dopo aver cantato una canzone dal suo nuovo album di canzoni francesi, scambia convenevoli con Fabio Fazio e duetta simpaticamente con Luciana Littizzetto parodiando la sua "Quelq'un m'a dit". 

IL DUETTO TRA CARLA BRUNI E LUCIANA LITTIZZETTO

LA GARA CONTINUA - Malika Ayane, la grande favorita di questa edizione 2013 di Sanremo, sale alla ribalta per cantare "Niente" e "E se poi", che continua la gara. Ad annunciare la canzone è Neri Marcorè, che entra in scena vestito da Alberto Angela, uno dei suoi personaggi più celebri. Torna Bar Refaeli, con un vestito tutto trasparenze, che annuncia il prossimo gruppo: gli Almamegretta. La band napoletana guidata da Raiz porta all'Ariston "Mamma non lo sa", brano trascinante in pieno stile dub, seguita dall'intimista "Onda che va". Filippa Lagerback, padrona di casa di "Che tempo che fa" insieme al duo Fazio e Littizzetto, premia la prima.

Grandi applausi per Max Gazzè e le sue due canzoni, "I tuoi maledettissimi impegni" e "Sotto casa", che viene premiata dalle fiorettiste olimpiche Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Ilaria Salvatori. Manca la quarta, cioè Valentina Vezzali, perché, come ricorda Fazio è candidata nella Lista Monti. Annalisa Scarrone, per la prima volta sul palco dell'Ariston, canta "Scintille" e "Non so ballare". Il proclamatore è Carlo Cracco, il terribile giudice di "Master Chef Italia". 

SANREMO 2013, LA SECONDA SERATA: TUTTE LE FOTO @ TM News Infophoto

Bar Refaeli, al terzo cambio d'abito, annuncia l'arrivo di Asaf Avidan, il giovane cantante israeliano di "One Day", che si produce in un'esibizione davvero da brivido. 

"Last but not least", è il turno di Elio e le Storie Tese, gli ultimi Big ad esibirsi. Vestiti da chierichetti, il gruppo milanese canta "Dannati Forever" ma "La canzone mononota" sbaraglia tutti e conquista l'81 per cento dei voti, come annuncia il presenter Roberto Giacobbo.

LA GARA DEI GIOVANI - Le regole della competizione sono spiegate da Alberto Angela (sempre il solito Marcorè) e da suo padre Alberto (impersonato impagabilmente da Fabio Fazio, ormai lanciatissimo nel suo ritrovato ruolo di imitatore). L'ironia resta un momento sullo sfondo perché Fazio ricorda il lutto che ha colpito i Ricchi e Poveri. 

Il primo della categoria è Renzo Rubino con "Il Postino (Amami Uomo"), seguito da Il Cile con "Le parole non servono più", Irene Ghiotto con "Baciami?" e i Blastema con "Dietro l'intima ragione". Passano Renzo Rubino e i Blastema.

Beppe Fiorello sale nuovamente sul palco per cantare "Vecchio Frack" di Domenico Modugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La seconda serata di Sanremo 2013

Today è in caricamento