rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Sanremo 2020

Sanremo, Amadeus dopo tutte le polemiche: "Ho capito chi sono gli amici e chi no"

I nomi dei big spoilerati, le accuse di sessismo e le critiche per Junior Cally: il direttore artistico del Festival mette tutto da parte a pochi giorni dal via

La settantesima edizione del Festival di Sanremo non è ancora iniziata, eppure per Amadeus è già stata molto faticosa fin qui. Le polemiche non sono mancate, come ogni anno, ma stavolta sono state più piccate del solito, così come pesanti sono state le accuse di sessismo nei suoi confronti dopo le dichiarazioni su Francesca Sofia Novello, per non parlare delle feroci critiche sulla partecipazione di Junior Cally.

Che non fosse un Festival facile, però, lo aveva già capito a dicembre, nel bel mezzo delle vacanze di Natale, quando il settimanale Chi ha spoilerato i nomi dei big, che lui avrebbe annunciato in anteprima il 6 gennaio durante la puntata speciale dei Soliti Ignoti dedicata alla Lotteria Italia. "Ho scoperto che a Sanremo anche i muri hanno le orecchie" ha commentato Amadeus a Leggo, chiarendo a pochi giorni dal via tutto ciò che è accaduto finora: "I nomi circolavano, è normale. E tutta la stampa correttamente evitava di scriverli. Poi, però, qualcuno ha deciso di farlo. Io, se avessi saputo la scaletta o gli ospiti di una trasmissione di qualcun'altro, non mi sarei mai sognato di spoilerarli. Il rispetto del lavoro altrui viene al primo posto".

Sanremo 2020: date, cantanti, canzoni, ospiti e tutto quello che c'è da sapere

Sul "passo indietro", frase incriminata della conferenza stampa, ha ammesso: "Ho già chiesto scusa a tutti e ribadisco che mi dispiace che qualcuno possa essersi sentito offeso da quelle parole". Ma a restare ferito è stato anche lui: "Sentirmi accusare di sessismo da persone che mi conoscono bene e che sanno che non è vero. Mi è servito a capire chi sono gli amici e chi no". 

Le critiche per la scelta di Junior Cally sono le uniche che non accetta: "Ho sentito il pezzo e l'ho trovato molto forte. E' un brano di quelli che ascoltano i giovani e trovo ingiusto criticarlo senza averlo ascoltato. E anche metterlo al bando per una canzone, che non conoscevo, di tre anni fa". Da parte sua, dunque, grande apertura, quella che si augura abbia anche il pubblico: "Prima di criticare guardiamo e ascoltiamo. E' come se si giudicasse un film solo dalla locandina".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo, Amadeus dopo tutte le polemiche: "Ho capito chi sono gli amici e chi no"

Today è in caricamento