Venerdì, 30 Ottobre 2020

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sanremo, Michele Zarrillo: "Festival un po' come Marzullo"

Il cantante, al Festival per la tredicesima volta, è in gara con il brano 'Nell'estasi o nel fango'

Michele Zarrillo, un veterano del Festival di Sanremo. 13 le partecipazioni alla kermesse canora, quest'anno con il brano 'Nell'estasi o nel fango'.

"Un'edizione bella, molto dinamica e movimentata, con tanti ospiti - ha raccontato ai microfoni di Today - Finisce alle due di notte, è questa la grande novità. Chissà se poi diventerà uno standard che vada così alla lunghe. Mantiene comunque ascolti molto alti fino a tarda notte. Per me non è un problema, perché faccio un mestiere che me lo permette, ma non so chi è costretto a svegliarsi alle 6 di mattina quanto è contento di andare a lavorare con gli occhi gonfi".

Una lunghezza che incide sulla gara? "Mercoledì ero ultimo dopo tanti ospiti. Cantare all'1.30 non è stata una cosa piacevolissima. Uno aspetta Sanremo, poi Sanremo diventa un po' come Marzullo. A parte gli scherzi, ho avuto tanti riscontri positivi anche a quell'ora, le mie pagine sono salite di migliaia di followers. Sono contento, è stato un po' tutto inaspettato perché non avevo un progetto pronto. Ora lavorerò su questo".

Si parla di

Video popolari

Potrebbe interessarti

Sanremo, Michele Zarrillo: "Festival un po' come Marzullo"