Venerdì, 5 Marzo 2021

Sanremo 2020, le pagelle del Festival

Dai conduttori agli ospiti ai Big, ecco i nostri giudizi alla 70esima edizione della kermesse canora

Una festa nazional popolare della musica (e dell'intrattenimento) italiana. Questo il 70esimo Festival di Sanremo. Dopo le due edizioni di Claudio Baglioni - che ha lavorato "per sottrazione", riducendo spazio ad ospiti e show per lasciarne di più alla musica -, quello condotto da Amadeus torna ad un taglio particolarmente televisivo. Due spalle: Fiorello e Tiziano Ferro. Undici le primedonne sul palco, da Rula Jebreal a Diletta Leotta. Innumerevoli gli ospiti, tra Roberto Benigni, Lewis Capaldi, Massimo Ranieri, i Ricchi e Poveri al gran completo dopo 50 anni. A vincere Diodato, tra i favoriti fin dall'inizio, mentre al secondo e terzo posto si posizionano Francesco Gabbani e i Pinguini Tattici Nucleari.

"Un Festival all'insegna dell'imprevedibilità", aveva annunciato Amadeus in occasione della prima conferenza stampa. E così è stato. Tante le polemiche che lo hanno accompagnato, come nella migliore tradizione della kermesse, dalla bufera sul sessismo piombata su Amadeus, al ritiro spontaneo dal parterre degli ospiti Monica Bellucci e Salmo, alle liti sulla scaletta tra Ferro e Fiorello, fino alla squalifica storica di Morgan e Bugo. Storica nel vero senso del termine, dal momento che mai era successo che un artista abbandonasse spontaneamente il palco meritando l'eliminazione per "defezione". Così come mai era successo che le puntate fossero così "longeve": la finale si è conclusa alle 2.36 del mattino. Dal 1999, invece, non accadeva che gli ascolti superasse il 53,3% di share. Amadeus bisserà? Chissà. Di certo c'è che - dopo le edizioni di successo firmate Carlo Conti e Baglioni - la ritrovata fortuna del Festival prosegue in una ascesa inarrestabile. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo 2020, le pagelle del Festival

Today è in caricamento