Mercoledì, 25 Novembre 2020

Sanremo 2020, meglio e peggio della terza serata: Benigni tra Salvini e il Cantico dei Cantici. Tutti pazzi per Alketa

E' la serata "cover", dedicata al 70esimo anniversario del Festival. Achille Lauro canta 'Gli uomini non cambiano': vestito da David Bowie è più incisivo di tanti sermoni cervellotici sull'identità sessuale. Elettra Lamborghini e Myss Keta in versione lesbochic in 'Non succederà più'

Una grande festa della musica italiana. Questa la terza puntata del Festival di Sanremo, dedicata al 70esimo anniversario della kermesse canora ed incentrata sulle cover dei Big. Meno show, più musica. Dopo le due puntate di timbro "televisivo" - e l'infinita passerella di ospiti (troppi?) - tornano al centro i cantanti. Ma è soprattutto la prima serata senza Fiorello, vero valore aggiunto di questa edizione. Non è un caso infatti che parte dell'attenzione mediatica è concentrata, più che dentro, fuori dall'Ariston, dove lo showman siciliano è in guerra con Tiziano Ferro...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo 2020, meglio e peggio della terza serata: Benigni tra Salvini e il Cantico dei Cantici. Tutti pazzi per Alketa

Today è in caricamento