Martedì, 15 Giugno 2021
dal 2 al 6 marzo

Confermate le date di Sanremo, ma è caos sala stampa

Un ulteriore slittamento si verificherebbe solo nel caso di una brusca impennata dei contagi. Cruciale la decisione sui giornalisti, difficile garantire una partecipazione 'in presenza'

Nella foto Amadeus, direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo

La settantunesima edizione del Festival di Sanremo si terrà al Teatro Ariston dal 2 al 6 marzo. Confermate le date, nonostante le tante incertezze che ancora aleggiano sulla kermesse in piena pandemia. L'ipotesi di un ulteriore slittamento, fa sapere l'Adnkronos, è valutabile solo a qualche settimana dal via, se i numeri dei contagi si rivelassero ad altissimo rischio.

L'incognita più grande è la presenza dei giornalisti. L'organizzazione di una sala stampa, infatti, è densa di pericoli e l'unica soluzione realmente senza rischi per la salute è quella 'virtuale', con la conferenza stampa principale in streaming e conferenze da remoto anche di tutti i cantanti protagonisti. Tutte le altre ipotesi che la Rai sta formulando per una sala stampa 'in presenza' espongono a troppi rischi, nonché ad una serie di adempimenti da parte dei giornalisti che renderebbero comunque molto difficile il lavoro. 

La prima soluzione al vaglio è quella di tasferire la sala stampa dal roof dell'Ariston al Palafiori, con non più di 150-200 giornalisti accreditati, escludendo di fatto oltre la metà delle richieste. Inoltre, la frequentazione di così tante persone e per tante ore al giorno, renderebbe obbligatori per la sicurezza di tutti i tamponi (almeno due durante la settimana festivaliera) e i conseguenti 'tracciamenti' che, in caso anche di un solo caso positivo, bloccherebbero diverse persone nelle loro stanze. Non solo: l'ingresso al Palafiori per evitare assembramenti, andrebbe scaglionato per fasce orarie, così come l'accesso ai servizi igienici. Sarebbero comunque enormi i problemi di sanificazione con un lasso di tempo d'apertura della Sala che va dal mattino alle prime ore del giorno dopo. La seconda soluzione presa in esame - secondo quanto apprende l'Adnkronos - è una soluzione intermedia: aprire una sala stampa al Palafiori solo per tre ore al giorno, il tempo di tenere la quotidiana conferenza stampa di fine mattinata. Soluzione più controllabile ma con rischi però comunque simili a quelli della prima soluzione e con i giornalisti che dovrebbero poi seguire il festival dalla loro stanza d'albergo o della casa presa in affitto.

Sanremo 2021, il pubblico in quarantena su una nave da crociera

Su un punto non c'è nessun dubbio: il pubblico all'Ariston ci sarà. L'ipotesi finora più accreditata - e confermata da Amadeus - è quella di creare una 'bolla sanitaria', a bordo di una nave mezza a disposizione da Costa Crociera, dove tenere protette le persone che riempiranno il Teatro durante le cinque serate del Festival, controllate e sottoposte quotidianamente a tampone. 

Sanremo 2021: cantanti, canzoni, ospiti e tutto quello che c'è da sapere

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confermate le date di Sanremo, ma è caos sala stampa

Today è in caricamento