Martedì, 13 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sanremo, Fedez e Francesca Michielin: "Di entrambi l'idea di venire al Festival ma avevamo paura a dircelo"

Fedez e Francesca Michielin tornano con un nuovo singolo in featuring a 7 anni dal successo di 'Magnifico' e lo presentano alla 71esima edizione del Festival di Sanremo. Un riavvicinamento artistico avvenuto durante il lockdown, come racconta la cantautrice a Today: "Entrambi abbiamo avuto questa idea ma avevamo paura a dircelo. Ho scritto questo messaggio a Federico e mi ha detto che stava pensando alla stessa cosa. Dopo esserci ritrovati virtualmente sui balconi, durante il lockwodn a cantare insieme, ci è venuta voglia di rifare qualcosa". E hanno scelto il palcoscenico più importante, ma soprattutto "l'unico su cui ora ci si può esibire" ha aggiunto il rapper, felice di vivere questo "grande privilegio". 

La loro canzone, 'Chiamami per nome', parla d'amore ma lo fa in modo più profondo: "Sicuramente questo brano rappresenta un'evoluzione rispetto a Magnifico, ma anche a Cigno Nero, che abbiamo scritto quando eravamo molto più giovani - spiega Francesca Michielin - Sono successe un sacco di cose, Federico è diventato papà, io ho fatto tanti dischi, abbiamo fatto cose diverse. È un brano d'amore ma ha una maturità e una profondità in più, perché non si limita solo all'amore di coppia, ma è un sentimento più filantropico". Diversa anche la struttura: "C'è stata un'evoluzione sulla stesura del brano - continua Fedez - su come interagiamo io e lei. Ci alterniamo, cantiamo insieme, io canto molto di più". 

Francesca Michielin: "Il mondo della musica è spesso maschilista"

Oltre a Sanremo, Francesca Michielin sta lavorando su altri progetti come il podcast 'Maschiacci': "Si vuole interrogare sulle lotte che oggi le donne vogliono fare, ma anche su quelle che non vogliono più fare. Credo che il mondo della musica, come tanti altri ambienti lavorativi, sia molto spesso maschilista. Ci sono preconcetti legati alle artiste, che non sanno scrivere i loro testi, che non sanno suonare, spesso vengono sessualizzate ed eroticizzate anche quando no è loro intenzione. La mia è una lotta personale ma più che altro una lotto di sorellanza, per interrogarci e sostenerci". Il 5 marzo, invece, uscirà il nuovo album 'Feat', su cui ci tiene a precisare: "È un progetto di featuring, con un sacco di persone che sono al Festival come Coma_Cose, Max Gazzè, i Maneskin. Celebra la collettività, è un mio disco ma in realtà è un progetto molto corale". 

Fedez: "L'esposizione social? L'ho scelto io e sono fiero di quello che siamo riusciti a costruire quest'anno"

Nessun'arma a doppio taglio. Per Fedez l'esposizione social è una scelta consapevole e soprattutto una conseguenza naturale dell'essere un personaggio pubblico: "Racconto ciò che mi accade, dalle iniziative alla vita quotidiana. Vedo più il bicchiere mezzo pieno. Ho scelto di essere esposto e credo che chiunque di noi abbia scelto di diventare un personaggio pubblico si prenda il bello e il cattivo tempo. Non posso che essere contento di quello che siamo riusciti a costruire nell'anno pregresso, ne vado fiero". Infine, sul suo post-Sanremo da papà bis: "Le emozioni sono nuove, è una bimba e parte un'esperienza completamente nuova. Non vediamo l'ora". 

Si parla di

Video popolari

Sanremo, Fedez e Francesca Michielin: "Di entrambi l'idea di venire al Festival ma avevamo paura a dircelo"

Today è in caricamento