Martedì, 13 Aprile 2021
SANREMO 2021

Sanremo 2021: un’edizione del Festival completamente rinnovata si avvia verso la finale

Sanremo vola verso il gran finale tra musica, abiti meravigliosi e tante sorprese. Sponsor e organizzatori uniti per la buona riuscita dello spettacolo grazie soprattutto alla tecnologia che lo ha reso possibile

Anche quest’anno il Festival si è fatto, e si è fatto bene!
Manca poco al grande finale dove scopriremo quale sarà il vincitore dell’edizione 2021 e nell’attesa stiamo assistendo ad un Festival intenso e forse, meno distante di quello che immaginavamo.
Certo, non sentire il pubblico in platea toglie un pochino di magia, soprattutto a chi sta sul palco. Ma negli artisti che si sono esibiti in questi giorni non è mai sembrata mancare una buona dose di emozione che certamente è stata percepita anche da casa.

 È in scena il Made In Italy in tutti i sensi con gli abiti creati su misura dai nostri stilisti. L'eleganza e la raffinatezza sono sempre le carte vincenti nei look dei due conduttori e delle splendide co-conduttrici che si susseguono serata dopo serata. Non hanno mancato di stupire per eleganza anche personaggi del mondo dello sport come Zlatan Ibrahimovi? o dello spettacolo e ci sono stati regalati dei “quadri” artistici dal multiforme Achille Lauro.
L’estetica è stata curata non solo per quanto riguarda la moda, infatti la Rai ha messo in piedi una scenografia fantascientifica curata da Gaetano e Chiara Castelli. Un ponte luminoso che attraversa il tempo e che unisce la tradizione del Festival italiano per eccellenza e il futuro.

“11 mesi di lavoro, 30 giorni di costruzione, 50 giorni di montaggio; dal 28 dicembre 60, tra costruttori e tecnici, con 900 tamponi effettuati… Tutto per arrivare qui.”  Studio Castelli su Instagram

Le stringenti misure di sicurezza per artisti e tecnici sono e rimangono stringenti; a tale scopo, gli spazi del teatro Ariston sono stati rivoluzionati prima dell’inizio del Festival.
La musica, ovviamente, è sempre la protagonista principale e, grazie ai social, è possibile commentare e scoprire, in diretta, tutto ciò che accade durante l’evento.
Per il voto di giuria demoscopica, Orchestra e Sala Stampa, viene impiegata un'App dedicata. A questa, è affiancato il televoto.
Non sono mancate le pillole quotidiane che precedono il Festival, offerte da AnteprimaFestival e PrimaFestival, programmi trasmessi su Raiuno dal 27 febbraio al 6 marzo.

Creatività e innovazione: parole d’ordine di questo Festival

Grazie a diverse idee creative e al supporto della tecnologia, quindi, dal 2 al 6 marzo il Teatro Ariston sta ospitando una kermesse molto innovativa rispetta al solito.
Rimangono, però, delle certezze: anche quest’anno, infatti, tra gli sponsor ufficiali torna Suzuki, che da ben 5 anni accompagna l’evento.
Mai come quest’anno, il Festival di Sanremo e Suzuki sono uniti da valori creatività e innovazione.
Da una parte, un approccio innovativo al mondo dell’arte e della musica, dall’altra, un modo nuovo e creativo di concepire la mobilità.
Così come il Festival ha dovuto rinnovarsi quest’anno, infatti, è da anni che Suzuki sta rinnovando il proprio punto di vista, offrendo una gamma di auto volta al rispetto dell’ambiente, garantendo emissioni sempre più ridotte.
Suzuki porta sul palco del Festival di Sanremo la gamma 100% ibrida e incentivata, presente anche nei programmi AnteprimaFestival e PrimaFestival.
Durante alcune clip, i presentatori Giovanna Civitillo, Valeria Graci e Giovanni Vernia, infatti, si sono messi al volante di vetture appartenenti alla gamma Suzuki Hybrid: una Vitara Hybrid 1.4 Boosterjet 4WD in allestimento Starview con livrea bicolore Rosso Marrakech e tetto nero e una Ignis Hybrid 1.2 Top automatica di colore Blu Azzorre.

Una spinta in più verso una mobilità sostenibile

La scelta intrapresa da Suzuki viene premiata dall’apprezzamento degli automobilisti: infatti, il 2020 è stato chiuso con una quota record di crescita del 2,42%.
Ciò significa che piace sempre di più la possibilità di usufruire di una mobilità più green.
Infatti, il risultato a livello di emissioni è molto positivo: prendendo in considerazione solo le Suzuki immatricolate a dicembre 2020 risulta un totale di soli 92,2 g/km di CO2 , valore più basso mai ottenuto da Suzuki (secondo le elaborazioni del Centro Studi UNRAE).
Si tratta di un dato che è migliorato, di mese in mese, durante tutto il corso dell’anno.
Ecco perché, Suzuki si propone, per il 2021, di espandersi ancora di più nel mercato italiano, forte, anche degli incentivi statali disponibili su tutta la gamma Suzuki Hybrid.


Per chi desidera passare ad uno dei modelli a scelta tra Suzuki Ignis Hybrid, Swift Hybrid, Vitara Hybrid, S-Cross Hybrid o Swace Hybrid, sono disponibili incentivi statali dedicati.
Rottamando un’auto omologata fino ad Euro 5 (e immatricolata prima del 2011), lo Stato concederà un bonus di €1.500.
In aggiunta, i Concessionari offriranno uno sconto che parte da € 2.000.

Particolare attenzione viene riservata all’acquisto di Across Plug-In Suzuki, eccellenza nel campo della riduzione delle emissioni.
Ad essa sono dedicati incentivi statali davvero allettanti: per l’acquisto, legato alla rottamazione di una vecchia auto inquinante (immatricolata prima del 2011), infatti, si raggiunge un bonus statale di € 4.500; in più, le Concessionarie Suzuki offrono un ulteriore sconto di € 5.500. In questo modo, si decidere di scegliere il comfort di questo SUV con un risparmio di ben € 10.000.

Infine, per l’acquisto di Jimni Pro con omologazione N1, si può contare su un ecoincentivo statale fino a € 1.200 (in caso di rottamazione di un veicolo N1 fino ad euro 4).

Passare ad un’auto elettrica o ibrida non vuol dire rinunciare al piacere della guida.
la tecnologia Suzuki Hybrid, infatti, permette ai motori termici di interagire con quelli elettrici con sincronismi perfetti, offrendo elevate performance in fatto di prestazioni ed efficienza. Ovviamente, non ne risente neppure il comfort.
Questo genere di auto, quindi, non ha nulla da invidiare alle tradizionali, se non una buona percentuale di emissioni in meno.

Se tutto ciò non bastasse, acquistare un modello della gamma Suzuki 100% Hybrid vuol dire, anche, usufruire di tutti i vantaggi e delle agevolazioni garantiti alle auto ibride.
Molte delle ZTL delle principali città italiane sono accessibili, così come la fruizione gratuita dei parcheggi con strisce blu. Inoltre, vi sono sconti sul pagamento del bollo; in alcuni casi, vi è, addirittura, l’esenzione totale.
Per avere maggiori informazioni riguardo ad una mobilità più sostenibile, è possibili visitare il sito Suzuki alla sezione dedicata.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo 2021: un’edizione del Festival completamente rinnovata si avvia verso la finale

Today è in caricamento