Venerdì, 5 Marzo 2021
l'ipotesi

Sanremo 2021, il pubblico dell’Ariston in quarantena su una nave da crociera? Parla Amadeus

L’ipotesi sull’organizzazione della prossima kermesse canora circolata in queste ore sta generando perplessità e malumori: le dichiarazioni del direttore artistico

Amadeus

Mancano ancora tre mesi alla data ufficiale di inizio del Festival di Sanremo 2021, e se gli interrogativi sui cantanti in gara hanno trovato risposta nell’annuncio ufficiale di Amadeus, adesso a tenere banco è l’ipotesi di isolare su una nave da crociera il pubblico che, dal 2 al 6 marzo, dovrebbe presenziare nel teatro Ariston per assistere alla kermesse in un periodo ancora segnato dalla pandemia e da tutte le norme anti-Covid annesse.  

“L’idea è tenere recluse e protette centinaia di persone fino al 2 marzo, data di inizio del Festival. Allo scattare dell’ora X, grazie ai tender, gli ospiti sbarcheranno al porto e da lì, con dei pullman, saranno scaricati direttamente al teatro Ariston”, aveva raccontato per primo il sito Dagospia, secondo cui gli organizzatori della kermesse starebbero pensando di creare una "bolla" per quattrocento persone sulla Smeralda, la nave di Costa Crociera da poco varata. Controllate con costanza, tamponate quotidianamente, le persone del pubblico del Festival di Sanremo sarebbero così tutelate da ogni rischio di contagio.

Sanremo 2021: cantanti, canzoni, ospiti, date e tutto quello che c'è da sapere

Sanremo 2021, il pubblico dell’Ariston in quarantena su una nave da crociera? Parla Amadeus

Sull’ipotesi così descritta si è espresso poco fa Amdeus: “La stiamo certamente prendendo in considerazione”, ha commentato il presentatore e direttore artistico della 71esima edizione del Festival di Sanremo durante la diretta in radiovisione su Radio Zeta: “Non si può fare Sanremo senza pubblico, l’ho sempre detto per me è fondamentale, altrimenti non è una rinascita, vorrebbe dire fare un Sanremo sotto Covid, bisogna organizzarsi bene affinché quel pubblico probabilmente sia sempre lo stesso, controllato con tamponi quotidiani. Va ristrutturata tutta la situazione e ripensata, sarà un Sanremo che vogliamo offrire al pubblico ancora più importante rispetto a quello dell’anno scorso, solo così siamo una risposta al desiderio di rinascita”. 

Sanremo 2021, il pubblico dell’Ariston in quarantena su una nave da crociera? La polemica

La questione sta suscitando una serie di reazioni polemiche. Mentre Repubblica riporta come dalla Rai si limitano a confermare che “la nave è una delle ipotesi prese in considerazione”, senza aggiungere nulla di più, a stroncare l’idea è il sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri: “Uno schiaffo alla città e alla sua economia”, ha sbottato il primo cittadino su Il Secolo XIX: “Contatterò la Rai per capire se davvero intende percorrere questa strada, spero che l’ipotesi così come è nata all’improvviso, svanisca altrettanto velocemente”.

Non ci sta neppure Michele Anzaldi, segretario della commissione di Vigilanza Rai, che sui social tuona: “Mentre da mesi tutti i teatri e i musei sono chiusi, mentre i concerti sono vietati da tempo e c'è l'intera industria culturale in ginocchio, la ricca Rai, l'unica azienda in Italia che non ha problemi di bilancio perché è mantenuta dai soldi del canone degli italiani, vorrebbe avere una corsia preferenziale per Sanremo, aggirando la legge con una dubbia operazione che porterebbe centinaia di persone all'Ariston come pubblico. La conferma data alla stampa che si starebbe pensando ad una soluzione del genere è gravissima, è urgente che arrivino chiarimenti in commissione di Vigilanza. Il presidente Barachini pretenda trasparenza dai vertici del servizio pubblico".

"Si pronuncino il Comitato tecnico scientifico e il ministero della Sanità” - prosegue Anzaldi – “Chi garantisce che spostare ogni giorno centinaia di persone dagli alberghi o da una nave non metta a rischio la salute degli italiani? Chi garantisce che il Festival non diventerà un maxi cluster di contagi? Davvero il Festival di Sanremo è l'unico evento televisivo e musicale nel mondo che può permettersi di non rispettare le restrizioni anti covid? Il mondo intero ha dovuto anticipare la messa di Natale e la nascita del Bambinello, ma la Rai non può rinunciare alla sua Spendopoli? Quanto costerebbe un'operazione del genere?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo 2021, il pubblico dell’Ariston in quarantena su una nave da crociera? Parla Amadeus

Today è in caricamento