Mercoledì, 19 Maggio 2021
Consigli streaming

Le 5 migliori serie Netflix tratte da storie vere

Cinque titoli di successo tratti da fatti realmente accaduti che la piattaforma di streaming ha adattato a serie tv

Accade spesso che nel momento in cui guardiamo una serie tv diamo per scontato che si tratti di un racconto di finzione nato dall'estro fantastico dell'autore, da un'idea tenuta nella memoria e poi messa insieme per immagini o da un esercizio di stile. Non tutte le serie tv, però, sono atti di fantasia, molti titoli, infatti, sono adattamenti tv di storie realmente accadute. Se siete amanti delle storie tratte dalla vita vera, ecco 5 dei migliori titoli Netflix tratti proprio dalla realtà, da personaggi in carne e ossa e dalle loro storie diventate, poi la trama delle nostre serie preferite. 

L'altra Grace

Iniziamo con una miniserie tra le migliori su Netflix da finire in un solo giorno. Che questa serie fosse tratta dal romanzo di Margaret Atwood (autrice anche di The Handmai's Tale) lo sapevamo ma che prendesse spunto da una storia vera non tutti forse lo sapranno. Debuttata su Netflix nel 2018, questa serie riprende un fatto realmente accaduto nel 1843 a Toronto. Una giovane ragazza di sedici anni, domestica della famiglia Kinnear viene accusata di aver uccido il suo padrone e la sua governante. Oltre a lei viene accusato anche un altro dipendente della casa, James McDermott. La ragazza, Grace Marks condannata alla pena capitale riesce a salvarsi per mancate prove, anche se, la verità sulla vicenda non è mai venuta a galla. La Atwood ha ripreso questo fatto storico cercando di colmare alcune lacune con elementi che potessero essere plausibili inserendo anche qualche personaggio inventato come quello del Dottor Simon Jordan. 

Mindhunter

Passiamo a un'altra delle serie Netflix più intriganti degli ultimi anni. Stiamo parlando di Mindhunter, la serie sugli esperti delle menti dei serial killer, debuttata sulla piattaforma nel 2017. Il protagonista della storia è Holden Ford, un negoziatore dell'FBI che  insieme alla professoressa Wendy Carr e all'agente Bill Tench studia la psicologia del serial killer e di come ragiona la sua mente contorta con il metodo della profilazione. La storia reale da cui è tratta la storia è quella di John E. Douglas, un agente americano nato nel 1945, diventato famoso negli anni per essere stato uno dei primi criminal profiler. L'uomo, infatti, ha pubblicato diversi libri sull'argomento studiando nel minimo dettaglio le scene del crimine per ricostruire i profili psicologici degli assassini seriali e prevedere mosse future. Anche il personaggio di Wendy Carr si ispira a una donna in carne e ossa, la dottoressa Ann Wolbert Burgess mentre Bill prende spunto dalla vita di Robert Ressler. Tutti e tre, nella vita reale, hanno contribuito alla creazione di 36 profili di serial killer dell'epoca. 

Orange Is The New Black

Orange is the new Black è il manifesto femminista dei nostri giorni ma lo sapevate che la storia non è solo frutto della fantasia dell'autore? Qeusta serie Netflix, infatti, è tratta da un romanzo omonimo che raccoglie le memorie di Piper Kerman, un'amante di una trafficante di eroina, condannata nel 2004 per riciclaggio di denaro sporco, a 15 mesi nel carcere femminile di Denbury.  Proprio sulla base dei racconti raccolti nel memoire della donna, Jenji Kohan ha preso spunto per la creazione del mondo di una delle serie più amate degli ultimi anni. 

Glow

Anche Glow, serie originale Netflix che racconta la storia Ruth Wilder è tratta dalla vita vera. Questa serie, infatti, ambientata negli anni '80, mette in scena la vita di una donna alla ricerca di lavoro nel mondo televisivo di Los Angeles e che riesce a entrare nel cast di una serie tv sul wrestling tutta al femminile. La serie tv in questione, Gorgeous Ladies of Wrestling, andrò davvero in onda in tv dal 1986 al 1990. Lo show era ambientato all'Hotel Riviera di Las Vegas e il personaggio di Sam Sylvia è ispirato alla persona di Matt Cimber, regista di film low budget che venne chiamato per dirigere alcuni degli episodi della serie. 

Baby

Concludiamo con una serie tv italiana. Stiamo parlando di Baby, il titolo originale Netflix che prende spunto da un fatto di cronaca italina del 2013. Due studentesse di un ricco quartiere romano, di soli tredici e quattordici anni, furono colte in flagrante in un giro di prostituzione nel famoso appartamento di Via Parioli 190. Il fatto fece molto scalpore per la giovanissima età delle due prostitute ma anche perché coinvolti nello scandalo c'erano anche nomi noti del panorama politico e imprenditoriale italiano.  Netflix ha deciso di riprendere in mano la vicenda e adattarla per il piccolo schermo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 5 migliori serie Netflix tratte da storie vere

Today è in caricamento