Martedì, 22 Giugno 2021
Serie tv

Gina Carano: licenziata l'attrice di The Mandalorian per post negazionisti sulla Germania nazista

La protagonista della serie tv sull'universo di Guerre Stellari è stata cacciata dal cast per dichiarazioni offensive sui social

È bufera nel mondo delle serie tv. Dopo le accuse di Charisma Carpenter contro Joss Whedon per abusi, piovono accuse anche sull'attrice di The Mandalorian, Gina Carano, che è stata licenziata dalla Lucasfilm per alcuni post dell'attrice considerati inaccettabili e offensivi. I produttori della serie, infatti, si sono subito dissociati dalle dichiarazioni della Carano cacciandola dal set della serie di Star Wars disponibile su Disney+ che lo scorso anno ha trionfato agli Emmy. 

Gina Carano licenziata: cosa è successo?

I motivi per i quali la Carano è stata licenziata sono delle stories pubblicate dall'attrice su Instagram lo scorso martedì notte che assimilavano la condizione di chi vota per il partito repubblicano negli Stati Uniti a quella degli ebrei ai tempi dei nazisti. Queste stories hanno subito fatto scalpore tra i fan dell'attrice che, leggendo anche altre sue dichiarazioni successive dove si parlava della situazione degli ebrei nella Germania nazista in modo negazionista, sono rimasti inorriditi.

Non è la prima volta che la Carano suscita scalpore sui social. In passato, infatti, l'attrice aveva già scritto frasi contro l'obbligo di indossare la mascherina in riferimento alla pandemia da Covid-19 e aveva anche accennato a brogli elettorali rispetto ai voti per la nomina del presidente degli Stati Uniti. I fan dell'attrice, già all'epoca di questi commenti avevano reagito in modo non proprio positivo lanciando un hashtag #FireGinaCarano ("licenziate Gina Carano") su Twitter. E il licenziamento è arrivato in tronco dopo gli ultimi post negazionisti dell'attrice. 

Il rappresentante della Lucasfilm, infatti, non ha atteso molto prima di dichiarare l'allontanamento della Carano dal set della sua serie dove recitava al fianco di attori come Pedro Pascal, dichiarando che "Gina Carano non è attualmente impiegata alla Lucasfilm e non ci sono piani perché lo sia in futuro. Dopotutto, i suoi post denigranti nei confronti delle persone in base alle loro identità culturali e religiose sono abominevoli e inaccettabili". 

La posizione di Pedro Pascal 

L'attore di The Mandalorian (e futuro protagonista di The Last of Us) rimane al suo posto senza rilasciare dichiarazioni nei confronti della collega e della situazione nonostante, lo scorso novembre, l'attore aveva pubblicato un meme su Instagram che associava i sostenitori di Donald Trump ai nazisti. Nel post, infatti, comparivano le scritte «Perdenti nel 1865» vicino alla bandiera confederata degli Stati sudisti che lottavano per il mantenimento della schiavitù dei neri; «Perdenti nel 1945» vicino alla bandiera della Germania nazista e «Perdenti nel 2020» vicino al simbolo del partito di Trump. 

post Pedro Pascal

  

 
   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gina Carano: licenziata l'attrice di The Mandalorian per post negazionisti sulla Germania nazista

Today è in caricamento