rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021

La serie da guardare su Netflix se cercate qualcosa di breve ma intenso (e spagnolo)

Ci sono giorni, o più spesso sere, in cui si ha voglia di guardare qualcosa di diverso dal solito. Qualcosa di profondo ma allo stesso tempo leggero, di breve ma intenso, qualcosa di unico ma possibilmente non troppo complicato da seguire.

Ecco, se state cercando una cosa del genere su Netflix, abbiamo una serie tv da suggerirvi: si chiama Il tempo che ti do (in inglese The time it takes, ma il titolo originale è El tiempo que te doy), ed è una miniserie spagnola. 

Una miniserie nel vero senso della parola, perché Il tempo che ti do, uscita il 29 ottobre, è composta da dieci episodi di undici minuti ciascuno. Undici minuti precisi, a confermarlo sono i titoli delle puntate, ma ci arriviamo. Prima spieghiamo in breve - e non potrebbe essere diversamente - la trama della serie.

Di cosa parla "Il tempo che ti do"

Come dicevamo, i titoli chiariscono senza possibilità di errore quanto durano gli episodi, e in un certo senso anche il progredire della storia. La prima puntata si chiama "Un minuto nel presente e dieci minuti nel passato", la seconda "Due minuti nel presente e nove nel passato", e così via fino all'ultimo episodio intitolato "Dieci minuti nel presente e uno nel passato".

Perché questa distinzione tra tempo presente e tempo dei ricordi? Perché la serie parla della fine di una storia d'amore, quella tra Lina Ruiz (interpretata da Nadia de Santiago, già vista in Le ragazze del centralino e qui anche creatrice e produttrice della serie) e Nico Torres, interpretato da Alvaro Cervantes (che, curiosità, è stato protagonista dei remake spagnoli di Tre metri sopra il cielo e Ho voglia di te).

La serie inizia appunto dalla loro rottura, con un litigio condito da brutte parole che sancisce la fine del loro amore dopo dieci anni. Un momento così brutto e doloroso che invevitabilmente Lina finisce per curare le proprie ferite ripensando al passato. All'inizio della loro storia, al primo incontro, il primo bacio, e via via i momenti belli e quelli meno belli del loro amore. 

E appunto come rivelano i titoli delle puntate, col passare dei giorni Lina riesce a vivere sempre di più il presente, e a "contenere" il rimpianto e in generale il ricordo del tempo che fu. Ci possiamo fermare qui ma vi invitiamo a guardare il trailer ufficiale di Il tempo che ti do, disponibile su YouTube in spagnolo con sottotitoli in inglese.

Perché guardare la serie "Il tempo che ti do" su Netflix

Come si è forse intuito, non stiamo parlando di una serie divertente, men che meno comica, anzi possiamo tranquillamente definirla drammatica.

Quasi tutti abbiamo vissuto nella nostra vita un momento come quello da cui parte la serie, in cui si urlano cose sgradevoli alla persona che abbiamo amato per tanto tempo. E quasi tutti, dopo la rottura, ci siamo trovati a piangere ripensando ai momenti felici trascorsi insieme.

Perché guardare (e perché evitare) la serie Scene da un matrimonio su Sky

Ecco, possiamo considerare Il tempo che ti do una sorta di terapia. Che si stia attraversando una separazione, o che la si sia vissuta in passato, questa serie riesce in qualche modo a insegnare un concetto molto semplice: va bene il dolore, va bene il ricordo, ma l'unico modo per superare tutto è andare avanti e vedere cosa ci riserva il destino. 

In questo senso, la durata estremamente breve degli episodi rende Il tempo che ti do molto più "leggera": in totale dura come un film, ma la suddivisione in dieci episodi (a proposito, potrebbe interessarvi Most Dangerous Game su Prime Video) consente agli spettatori di respirare, di isolare i momenti della storia e in qualche modo di "digerire" i bocconi amari più facilmente, senza appesantire troppo il cuore, oltre che lo stomaco. 

Così, alla fine di tutto, si può accettare il finale (che ovviamente non spoileriamo) con serenità, con una consapevolezza acquisita più ricca e quindi completa. Come se le ferite derivate dalla separazione si fossero rimarginate, consentendo alla pelle di poter assorbire di nuovo la vita, con tutti i rischi che l'esistenza porta con sé.

Voto: 7

Si parla di
Sullo stesso argomento

La serie da guardare su Netflix se cercate qualcosa di breve ma intenso (e spagnolo)

Today è in caricamento