rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022

Che siate single, in coppia o in crisi, guardate Fedeltà su Netflix

Sembra un po' rischiosa la scelta di Netflix di far uscire una serie sul tradimento proprio il giorno di San Valentino ma forse, dietro questa presa di posizione un po' bizzarra, c'è un'idea molto più intelligente e profonda di quello che  possa sembrare. Spesso non si considera, infatti, il grande potere che ha un racconto, che hanno le immagini, le parole pronunciate da un personaggio di finzione sulla mente e sul cuore delle persone. Ogni storia, vera o immaginata che sia, infatti, può influenzarci, cambiarci un po' e renderci anche persone migliori. Con Fedeltà, Netflix vuole mostrare al pubblico cosa c'è dietro  il fallimento di un amore, dietro l'interrelazione tra un carattere orgoglioso e uno remissivo, dietro il totale abbandono all'altro o l'agoismo, dietro il sesso e dietro l'affetto per  far vedere cos'è che spinge un uomo o una donna a mandare all'aria il proprio rapporto costruito, con pazienza, negli anni. Se ci si rende conto che attraverso un mezzo visivo si può dare il proprio contributo per cercare di cambiare il racconto dell'amore nella società moderna e far vedere che per stare insieme si devono affrontare anche la fragilità, le rotture, gli sbagli, le contraddizioni e i momenti di delusione allora ci rendiamo conto che la scelta di Netflix di puntare su questo titolo, il 14 febbraio, è geniale. Ed è così che la piattaforma di streaming prende la palla al balzo, sobbalzando il blasonato romanticismo di San Valentino per lanciare una serie non romantica sull'amore ma proprio per questo, vera. Fedeltà è la nuova serie italiana di Netflix in sei episodi da vedere sia se si è single, sia se si è in una relazione sia se si è in crisi con una bellissima regia di Andrea Molaioli e Stefano Cipani, una meravigliosa colonna sonora, tra cui anche un inedito di Arisa, e una storia liberamente ispirata al romanzo omonimo di Marco Missiroli, vincitore del Premio Strega giovani. 

Quello che stupisce di Fedeltà è che racconta l'amore adulto senza fronzoli, è una finestra trasparente sulla vita di un uomo e una donna che si amano ma che, come accade a tutti, a un certo punto non vanno più nella stessa direzione e capiscono di volere cose diverse dalla vita. 

Il tradimento in questa serie viene mostrato nella sua forma più concreta, il sesso, l'attrazione fisica, le ripicche, la trasgressione, la spinta ribelle di dimostrare a se stessi e gli altri che si hanno ancora in mano le redini della propria vita anche quando la situazione è in una fase di stallo. E ancora una volta, questa serie ci mostra come solo dopo aver distrutto le proprie sicurezze e mandato all'aria un amore importante ci si possa rendere conto di quello che si vuole davvero nella propria vita.

"È più bella, ha tutta un'altra luce negli occhi" dice il protagonista, Carlo, professore di scrittura creativa all'università alla sua ex moglie quando la rivede dopo un anno dalla rottura, come se quando stava con lui quella luce si fosse affievolita. O ancora "Stare insieme ci è servito per quando stavamo da soli" continua l'uomo rendendosi conto di essere riuscito a mettere in pratica gli insegnamenti più grandi della sua donna solo dopo che lei è uscita dalla sua vita. Ma bisogna davvero arrivare a questo punto per capire il valore delle persone e di un rapporto? Forse sì. 

Fedeltà è una serie strana, per alcuni versi infastidisce, per altri spaventa, per altri ancora diventa una fonte d'ispirazione per cercare di non fare gli stessi errori dei protagonisti. Fedeltà, però, per quanto non sia infiocchettata di romanticismo la si apprezza per la sua concretezza o per il semplice fatto che ha il coraggio di osare con un racconto anticonvenzionale e rischioso dell'amore lasciandoci alla fine, sì con l'amaro in bocca ma con un grande insegnamento: quello di scegliere perché la vita è tutto ciò che resta dopo il bivio.

Voto: 7 e mezzo

Si parla di

Che siate single, in coppia o in crisi, guardate Fedeltà su Netflix

Today è in caricamento