Venerdì, 7 Maggio 2021
Sky Original / Roma

Speravo de morì prima, Castellitto: «Il calcio non è calcio se Totti non c'è»

Da venerdì 19 marzo alle 21.15 su Sky Atlantic e Now TV i primi episodi della miniserie dedicata al Capitano giallorosso. Nel cast Greta Scarano e Gian Marco Tognazzi. Allo Stadio Olimpico la presentazione ufficiale e il lancio della nuova clip

Pietro Castellitto allo Stadio Olimpico per la presentazione della serie

Venerdì 19 marzo alle 21.15 su Sky Atlantic e in streaming su Now TV andranno in onda i primi episodi di "Speravo de morì prima - La serie su Francesco Totti" in sei puntate targate Sky Original. Tratta da “Un capitano” di Francesco Totti e Paolo Condò, edito da Rizzoli Libri Spa, i primi episodi della serie saranno disponibili in anteprima nella sezione extra già nei prossimi giorni.

Lunedì 15 marzo, in una splendida giornata di sole, allo Stadio Olimpico di Roma è andata in scena la presentazione ufficiale della miniserie con i protagonisti: Pietro Castellitto, Greta Scarano, Gian Marco Tognazzi, Monica Guerritore, Giorgio Colangeli e il regista Luca Ribuoli insieme a Nicola Maccanico, executive vice president programming di Sky Italia; Mario Gianani, Ceo di Wildside, società del gruppo Fremantle, e Virginia Valsecchi, founder di Capri Entertainment. Introdotto dal giornalista Angelo Mangiante di Sky Sport, l'incontro si è svolto nel pieno rispetto delle norme anti-Covid sotto la Curva Sud, simbolo della tifoseria giallorossa. L'incontro non poteva avere inizio migliore grazie al videomessaggio di Francesco Totti che ha voluto ringraziare tutti «i ragazzi che hanno partecipato a questa serie, uno su tutti Pietro, che ha cercato farmi uscire per come sono realmente. Ho visto delle cose che non conoscevo del mio carattere».

castellitto-totti-2

Tra gli interventi più attesi quello del protagonista, Pietro Castellitto: «Ho passato la maggior parte delle domenica della mia vita seduto su questi seggiolini blu della curva sud, ma solo grazie alla serie ho potuto conoscere e incontrare Totti dal Vivo. Quando convivi tanto con un idolo, un po' pensi di conoscerlo, ma incontrandolo l’ho scoperto loquace: tiene banco ed è consapevole di cosa rappresenta per un ragazzo cresciuto con lui e fa di tutto per metterti a tuo agio. Per uno scherzo del destino ho ritrovato mentre giravo un diario che non trovavo da 15 anni, scritto quando avevo 9 anni e nel capitolo più lungo parlavo di Totti». Castellitto ne ha lette alcune frasi, errori di ortografia compresi, in cui ricordava come «per mia magica fortuna, facendo la collezione di figurine, nella prima bustina ho trovato l’unico, il sublime capitano della Roma - chiudendo con - il calcio non è calcio se Totti non c’è».

_DSC3629-2

Greta Scarano, nel ruolo di Ilary Blasi, ha presentato il suo personaggio con queste parole: «Ho cercato di raccontare un rapporto solido, nonostante tutte le difficoltà, un grande amore che mi piace simile a quello che Totti ha provato per la Roma. Ho vissuto la coerenza di Totti e Ilary come fosse un dramma shakespeariano. Un uomo si è trovato di fronte all’abbandono di un mondo che l’aveva reso quello che era, all’apice della carriera. Nonostante sia una figura pubblica molto pop, la vita privata di Ilary è all’insegna della massima normalità. All’interno delle mura domestiche sono rimaste due persone normali e per questo secondo me stanno ancora insieme». Diretta da Luca Ribuoli, la serie vede Pietro Castellitto nei panni del leggendario numero 10 e si concentra sull’ultimo anno e mezzo di carriera dell’ex capitano della Roma, sulla fine del suo lungo ed entusiasmante percorso con la maglia giallorossa - rimasta sempre la stessa per 27 anni: dal ritorno di Luciano Spalletti (interpretato da un ottimo Gian Marco Tognazzi) sulla panchina della Roma fino al più struggente addio al pallone della storia del calcio. Tra presente e passato, "Speravo de morì prima - La serie su Francesco Totti" unisce l’epica sportiva da vero fuoriclasse del calcio italiano e mondiale, raccontato anche attraverso le immagini d’archivio dei momenti più esaltanti della sua carriera, e la vita privata di un uomo coraggioso e semplice, autoironico e romanissimo, legato da sempre alla sua città e al calcio. Un racconto che, durante la conferenza, è stato definito di "epica leggerezza".

La nuova clip

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cast

Foto dalla conferenza stampa-3

"Speravo de morì prima - La serie su Francesco Totti" è prodotta da Mario Gianani per Wildside, del gruppo Fremantle, con Capri Entertainment di Virginia Valsecchi, The New Life Company e Fremantle. Pietro Castellitto interpreta Francesco Totti, Greta Scarano è Ilary Blasi, Gian Marco Tognazzi Luciano Spalletti, Monica Guerritore è la madre di Totti, Fiorella; Giorgio Colangeli è Enzo, il padre di Totti. Primo Reggiani è Giancarlo Pantano, amico storico del Capitano, Alessandro Bardani è Angelo Marrozzini, suo cugino. Gabriel Montesi e Marco Rossetti interpretano rispettivamente Antonio Cassano e Daniele De Rossi, Massimo De Santis è Vito Scala, Eugenia Costantini e Federico Tocci vestono i panni dei genitori di Totti da giovani. La serie è scritta da: Stefano Bises, Michele Astori e Maurizio Careddu. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Speravo de morì prima, Castellitto: «Il calcio non è calcio se Totti non c'è»

Today è in caricamento