Lunedì, 25 Ottobre 2021
La spiegazione del finale

La spiegazione del finale di Squid Game

Come succede nell'ultimo episodio della serie coreana Netflix e perché

Squid Game è sulla bocca di tutti. Uscita su Netflix lo scorso 17 settembre questa serie coreana è stata in grado di catturare la mente, l'attenzione e il cuore di tantissimi spettatori al punto da arrivare prima nella top 10 Italia di Netflix. La storia che racconta è apparentemente semplice: un gruppo di 456 persone viene "reclutato" volontariamente per partecipare a un gioco per vincere un montepremi di 45,6 milioni di euro. Fin qui tutto normale finché, durante il primo gioco "Un, due, tre stella" (perché sì, tutti i giochi che vengoo proposti sono giochi da bambini) si scopre che chi perde viene eliminato e con eliminato si intende ucciso. Squid Game è quindi un gioco mortale che, però, fa riflettere molto sul valore dei soldi, sull'importanza che si da al denaro a scapito della stessa vita (molti concorrenti, infatti, se non tutti, dopo aver deciso di abbandonare il gioco scoprendo di rischiare la vita, scelgono di tornarci perché la loro realtà è altrettanto disperata ai loro occhi.

Ed è così che con un susseguirsi di sei giochi e innumerevoli morti, colori pastello, una stanza dove dormire in condivisione e fare, sostanzialmente, amicizia, queste persone cercano di sopravvivere e arrivare al gran finale dove si giocherà lo Squid Game, titpico gioco di strada coreano. 

Chi arriva in finale? Due persone. La prima è il numero 456, il protagonista della serie e, insieme a lui, arriva all'ultimo step dello Squid Game il suo amico, o meglio, ex amico, un laureato di Stanford che si scopre essere di una freddezza e cattiveria inaudite pur di vincere il montepremi e guadagnare i soldi. Un uomo che sacrifica i suoi stessi amici pur di poter vincere, un uomo che arriva a uccidere la terza concorrente in gara per avere meno sfidanti e avere più probabilità di vittoria e che, se potrebbe dare una mano a qualcuno, non lo fa.

Ed è così che nell'ultimo episodio di Squid Game si disputa il gioco finale con un gruppo di spettatori vip che scommettono su chi morirà e chi vincerà e a vincere sarà proprio il numero 456. Ma sono tante le risposte che l'uomo vorrà cercare e che scoprirà solo un anno dopo quando viene contattato di nuovo dagli organizzatori del gioco e scoprirà che la mente dietro l'intera macchina infernale di Squid Game non è altro che uno dei suoi compagni di gioco con cui aveva legato di più, morto (apparentemente) in una delle partite. Il vecchio coreano, malato di cancro e in punto di morte, infatti, rivela di aver organizzato tutto questo gioco perché chi ha troppi soldi si annoia, non riesce più a godersi niente e l'unica cosa che a lui interessava prima di morire era tornare a vivere quell'emozione della condivisione che, solo partecipando in prima persona al gioco e facendo amicizia con altri, poteva raggiungere. 

Il finale shock della storia è quindi rivelato con un intelligentissimo gioco di rivelazioni che non si tradisce neanche una volta. E dopo tutto ciò, l'ex numero 456 che dopo aver vinto tutti i soldi continua a vivere una vita come quella di prima ma senza affetti (purtroppo scomparsi mentre giocava a Squid Game). Solo quando decide di andare negli Stati Uniti da sua figlia rivede la scena capitata a lui lo scorso anno e, trovando il biglietto del gioco mortale decide di chiamare il numero e minacciarli di farli smettere. Ci riuscirà? Bisognerà aspettare Squid Game 2, se ci sarà, per scoprirlo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La spiegazione del finale di Squid Game

Today è in caricamento