Venerdì, 17 Settembre 2021

The Wilds è la serie tv perfetta da recuperare su Prime Video quest'estate

Le giovani protagoniste di The Wilds

Qual è la serie tv perfetta da vedere per chi è in vacanza al mare, tra spiagge assolate e grandi nuotate (a patto di non doverci andare in aereo)? Probabilmente, la risposta "esatta" è Lost. Ma Lost l'abbiamo già vista, giustamente, e quindi? Beh, forse la migliore serie tv da vedere quest'estate per chi ha amato Lost è The Wilds, uscita l'11 dicembre scorso su Prime Video.

Le migliori serie tv uscite su Prime Video nel 2021 (finora)

Molti l'hanno già vista quando è sbarcata sulla piattaforma di streaming di Amazon, ma per chi se l'è persa ecco un po' di informazioni per convincerli a recuperarla al più presto.

Di cosa parla The Wilds

Stavolta l'aereo che si schianta al largo di un'isola deserta non è un volo di linea, ma un charter a bordo del quale c'erano solo 9 passeggere, tutte ragazze del liceo che hanno deciso, più o meno volontariamente, di iscriversi a una sorta di colonia estiva alle Hawaii per giovani femministe.

Sappiamo che i soccorsi sono arrivati perché nel presente assistiamo alle deposizioni davanti agli agenti dell'FBI di una ragazza dopo l'altra, ma non sappiamo bene cosa sia successo e se ogni ragazza è sopravvissuta.

O meglio, una possiamo escluderla subito: è Jeanette, ragazza piuttosto esuberante e apparentemente simpatica che nello schianto ha subito un pesante colpo allo stomaco: Leah, un'altra delle ragazze, riesce a portarla a riva, ma Jeanette muore presto per un'emorragia interna.

E alla fine dell'episodio, scopriamo un'altra cosa (scusate lo spoiler): c'è un motivo se le ragazze non ricordano niente di come sono finite in mare, di quello che è successo tra l'incidente aereo e la loro sopravvivenza. E il motivo è che non c'è stato nessuno schianto: è tutta una messinscena, una sorta di esperimento sociologico organizzato dalla dottoressa Gretchen Klein, che per farla breve vuole dimostrare al mondo che in un gruppo di donne i conflitti interni si risolvono senza la violenza tipica degli uomini.

E quindi, per tutta la serie The Wilds vede da una parte le 8 ragazze ingegnarsi per sopravvivere in un'isola deserta senza scannarsi (e con aiuti minimi da parte dell'organizzazione), dall'altra le considerazioni della dottoressa Klein e dei suoi assistenti (di cui, scopriamo presto, due infiltrate tra le ragazze), e a unire i due piani ci sono appunto i colloqui dei due agenti alle ragazze.

Nessuna forza occulta (a parte quella della Klein), nessuna teoria cosmologica, nessun vaso di Pandora tenuto chiuso solo dall'isola: insomma, non c'è tutta quella struttura di significati più o meno mistici che c'era in Lost. Siamo più "terra terra", e dovendo proprio fare un paragone siamo più vicini a The I-Land, serie tv visibile su Netflix che se non avete visto potete anche lasciar tranquillamente perdere.

A dare profondità alla serie, ci sono i flashback che ci mostrano le vite e i caratteri delle ragazze, i drammi e le difficoltà che le hanno portate a decidere di partecipare a questa colonia femminista chiamata Dawn of Eve, l'Alba di Eva. 

The Wilds, i nomi e le storie delle attrici protagoniste della serie tv Prime

Il trailer di The Wilds è stato pubblicato sul canale YouTube di Amazon Prime Video.

Perché The Wilds merita di essere vista

Se non bastano la storia, il trailer e il grande successo ottenuto quando è uscita su Prime a convincervi a vedere The Wilds, forse è perché avete amato troppo Lost e non volete guardare niente che anche solo azzardi a fargli il verso.

Ma se superete questo disagio e proverete lo stesso a dare un'opportunità a questa serie, allora vi troverete in mezzo a uno show in cui la tensione è alta ma senza esaperazioni, con i flashback che aiutano ad alleggerirla ma allo stesso tempo a illuminare le protagoniste, mostrandoci le loro ombre.

E poi c'è l'inchiesta portata avanti, che man mano ci svela nuovi particolari sulle ragazze e sull'indagine stessa, con una narrazione che unisce i toni del giallo a quelli dell'isolamento: una sorta di "9 piccole indiane", verrebbe quasi da dire.

In tutto ciò, diventa quindi quasi naturale guardare la serie facendo il tifo per una delle protagoniste, e allo stesso tempo facendo ipotesi su chi può essere l'infiltrata misteriosa. E così la visione di The Wilds diventa avvincente, quasi interattiva, trascinando gli spettatori sull'isola: ed ecco perché è una serie da vedere quest'estate, possibilmente durante le vacanze al mare.

The Wilds 2 ci sarà, è ufficiale (SPOILER!)

Per chi ha visto il finale di serie, ipotizzare che The Wilds puntava alla seconda stagione era letteralmente un gioco da ragazzi, visto che nell'ultima scena Leah scopriva i monitor che inquadravano un nuovo gruppo di naufraghi, stavolta al maschile: è il "Tramonto di Adamo".

A confermare ufficialmente che ci sarà The Wilds 2 è stato direttamente l'account ufficiale dello show Prime su Instagram, con un post a mostrare il ciak per l'inizio delle riprese dei nuovi episodi.

Ancora non ci sono informazioni precise sull'uscita di The Wilds 2, ma possiamo ipotizzare che arriverà su Prime tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022. Ci sono invece informazioni più precise sul cast della seconda stagione.

Ai fan di The Wilds farà piacere sapere che non ci sarà solo un cambio di cast, con i ragazzi al posto delle ragazze. In The Wilds 2, infatti, ci saranno tutte le protagoniste della prima stagione (compresa Jeanette-Linh), ma a loro si aggiungeranno appunto i nuovi naufraghi.

È quindi probabile che The Wilds 2 non sarà semplicemente una replica di The Wilds 1 al maschile e senza colpi di scena, ma che le ragazze della prima stagione abbiano un ruolo importante per far sì che i loro coetanei non subiscano quello che hanno patito loro. O, al contrario, potrebbero diventare tutte nuove assistenti della dottoressa Klein. Tutte tranne Leah, però...

Si parla di
Sullo stesso argomento

The Wilds è la serie tv perfetta da recuperare su Prime Video quest'estate

Today è in caricamento