rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Spettacoli&Tv

Shia LaBeouf arrestato in diretta durante le proteste anti Trump

L’attore di Transformers stava partecipando alla manifestazione 'He Will Not Divide Us' quando avrebbe aggredito un uomo che l’aveva provocato. La polizia lo ha ammanettato davanti alle telecamere che seguivano la diretta streaming

L'attore americano Shia LaBeouf è stato arrestato in diretta streaming e rilasciato poco dopo, per aver spintonato un provocatore.

L'episodio è avvenuto durante la performance anti Trump organizzata dall'attore di fronte al Museo delle immagini in movimento di New York: una telecamera trasmette live 24 ore su 24 ed è a disposizione di chiunque voglia declamare il mantra "he will not divide us" - "lui non ci dividerà" - riferito a Trump.

Ad un certo punto però, davanti alla telecamera, arriva un ragazzo che prima chiama amichevolmente l'attore e poi all'improvviso dice "Hitler non ha fatto niente di male". L'attore reagisce spintonandolo e poco dopo, sempre in diretta streaming, si vedono arrivare i poliziotti che lo ammanettano e lo portano via.

C'era già stato qualche problema durante la performance: qualche giorno fa un razzista ha declamato davanti alla telecamera alcuni slogan dei suprematisti bianchi americani, scatenando anche in quel caso la reazione infuriata di LaBeouf.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Shia LaBeouf arrestato in diretta durante le proteste anti Trump

Today è in caricamento