Sabato, 25 Settembre 2021
Spettacoli&Tv

"Tutto può succedere 2", i Ferraro tornano e vincono la gara degli ascolti

Quattro milioni di telespettatori per la prima puntata della fiction di Rai 1 ispirata alla serie tv americana "Parenthood"

Un successo annunciato quello della seconda serie di "Tutto può succedere". La prima puntata della fiction, in onda ieri sera su Rai 1, è stata seguita da 4 milioni e 88 mila telespettatori, per uno share del 18,02%, contro i 3 milioni e 567 mila di Canale 5, dove è andato in onda il film con Claudio Bisio e Frank Matano "Ma che bella sorpresa". E' ancora la Rai, dunque, a vincere la gara degli ascolti durante la settimana grazie alle sue fiction. 

Tredici puntate, la seconda giovedì 27 aprile, in cui la numerosa famiglia Ferraro è alle prese con nuovi problemi, tra figli cresciuti, equilibri sconvolti, nuovi arrivi e certezze che crollano.

RIASSUNTO PRIMA PUNTATA - Carlo (Alessandro Tiberi), il più piccolo dei 4 fratelli Ferraro, sta preparando il suo matrimonio con Feven (Esther Elisha), ma una brutta lite tra sua madre (Licia Maglietta) e la suocera manda tutto a monte e lui riscopre tutte le sue debolezze, mandando in crisi il rapporto. Sara (Maya Sansa) deve fare i conti con il ritorno dell'ex marito, che trova lavoro vicino Roma e vuole riconquistare la sua fiducia e quella dei figli Ambra (Matilda De Angelis) e Denis (Tobua De Angelis), mentre Giulia (Ana Caterina Morariu) scopre di non potere più avere figli. Alessandro (Pietro Sermonti) e Cristina (Camilla Filippi) aspettano un bambino e sono in ansia per il sesso, perché se dovesse essere un maschio avrebbe molte più probabilità di avere la sindrome di Asperger, da cui è affetto già il loro secondo figlio Max.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tutto può succedere 2", i Ferraro tornano e vincono la gara degli ascolti

Today è in caricamento