Domenica, 26 Settembre 2021
Tv

Biagio Antonacci ricorda Mia Martini: “Mi dissero di non lavorare con lei perché portava sfortuna”

Il ricordo del cantante sull'indimenticabile interprete di 'Almeno tu nell'universo': il racconto su Instagram

Mentre su Rai Uno andava in onda ‘Io sono Mia’, il film biografico sulla vita di Mia Martini magistralmente interpretata da Serena Rossi, Biagio Antonacci ha voluto dedicare un pensiero all’indimenticabile cantante che ha avuto la fortuna di conoscere all’inizio della sua carriera.

Il cantante, a corredo di una foto che lo ritrae con lei, ha ricordato che donna eccezionale sia stata Mimì, scomparsa a 46 anni nel 1995, e le maldicenze che la travolsero rispetto all’ignobile voce che la bollarono come portatrice di sventure.

Al cinema “Io sono Mia”, così il mondo dello spettacolo si scusa con Mia Martini 

Mia Martini, il ricordo di Biagio Antonacci

Su Instagram le parole di Biagio Antonacci su un aneddoto della sua vita legato alla figura dell’amata Mia Martini.

“Io e Mimì ......... Mia Martini è stata una donna eccezionale nella mia vita. Lei venne a Rozzano nella casa di mia madre che ci fece da mangiare una ‘cofanata’ di pasta con il pesce. Poi io mi misi al piano e lì cantai ‘Il fiume dei profumi’ nello studiolo di casa dove dormivo anche. Lei si mise là, umilissima, e disse ‘Questa canzone la canto io’. Poi ascoltò ‘Liberatemi’ e mi disse che sarebbe stato un successo pazzesco. E infatti accadde”, ha raccontato il cantante per poi entrare nel dettaglio delle maldicenze che all’epoca circolavano sul conto di Mimì.

“Ma non accadde solo questo. Certe persone che mi dissero allora di non lavorare con lei perché portava sfortuna (e furono tanti in quel periodo) alla fine la presero sui denti perché il disco vendette moltissimo alla faccia di quelli che oggi non fanno più nemmeno i discografici”, la conclusione del suo ricordo apprezzato dai migliaia di fan che, come lui, hanno nel cuore la dolcezza di una donna che, a distanza di quasi 24 anni dalla sua morte, manca come fosse il primo giorno, ma resta grazie alle sue eccezionali canzoni.

io e Mimì ......... Mia Martini è stata una donna eccezionale nella mia vita. Lei venne a Rozzano nella casa di mia madre che ci fece da mangiare una ‘cofanata’ di pasta con il pesce. Poi io mi misi al piano e lì cantai ‘Il fiume dei profumi’ nello studiolo di casa dove dormivo anche. Lei si mise là, umilissima, e disse ‘Questa canzone la canto io’. Poi ascoltò ‘Liberatemi’ e mi disse che sarebbe stato un successo pazzesco. E infatti accadde. Ma non accadde solo questo. Certe persone che mi dissero allora di non lavorare con lei perché portava sfortuna (e furono tanti in quel periodo) alla fine la presero sui denti perché il disco vendette moltissimo alla faccia di quelli che oggi non fanno più nemmeno i discografici. #miamartini #biagioantonacci #ilfiumedeiprofumi

Un post condiviso da Biagio Antonacci (@biagioantonacci) in data:

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biagio Antonacci ricorda Mia Martini: “Mi dissero di non lavorare con lei perché portava sfortuna”

Today è in caricamento