Venerdì, 23 Aprile 2021

Brumotti aggredito dai pusher con pietre e insulti, lo spaccio continua nonostante il coronavirus

L'aggressione, ripresa dalle telecamere dell'inviato di Striscia, davanti alla stazione Centrale di Milano. Sul posto la polizia, che ha fermato i presenti e arrestato uno di loro

Vittorio Brumotti

Il coronavirus a Milano non ferma gli spacciatori e nemmeno Vittorio Brumotti, che in sella alla sua bici continua a "dargli la caccia". E' finito con un'aggressione, e con l'intervento della polizia, l'ultimo servizio che l'inviato di Striscia la Notizia ha girato nei pressi della stazione Centrale di Milano, poche ore fa. 

Brumotti, con le telecamere piazzate su bicicletta e caschetto, ha ripreso gli spacciatori "al lavoro" in strada. Le immagini mostrano prima un gruppetto di ragazzi che entrano in un negozio e riescono poco dopo con un sacchetto bianco in mano, di quelli utilizzati per nascondere la cocaina, poi entra in scena l'inviato biker. I presunti pusher non prendono bene la sua presenza e dopo averlo insultato e minacciato, gli lanciano addosso delle grosse pietre. Dopo qualche minuto arriva la polizia, che ferma tutti i presenti e - come mostra il servizio - ne porta via uno in manette. 

Non è la prima volta che Vittorio Brumotti viene aggredito in Centrale a Milano. Lo scorso gennaio, sempre mentre girava un video sullo spaccio, era stato preso a calci e poi minacciato con uno storditore elettrico. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brumotti aggredito dai pusher con pietre e insulti, lo spaccio continua nonostante il coronavirus

Today è in caricamento