Giovedì, 4 Marzo 2021
Russia

“Ciao 2020”, lo show di Capodanno in Russia che prende in giro la tv italiana anni ‘’80

Una parodia tra battute a doppio senso, scollature e lustrini creata dal popolare conduttore russo Ivan Urgant

Un’ora di pura follia, luci al neon, lustrini, doppi sensi e ispirazione anni Ottanta: è la parodia creata dalla trasmissione satirica russa “Vecherniy Urgant (Evening Urgant)” condotta dal celebre personaggio televisivo Ivan Urgant. “Ciao, 2020”, un improbabile “Festival musicale di Capodanno” tutto in italiano - canzoni e dialoghi compresi - è stato trasmesso lo scorso 30 dicembre sul primo canale della tv pubblica russa 1 Pervyj Kanal, parodiando la tv italiana degli anni Ottanta. 

Urgant ha girato un’introduzione al programma, mostrandosi in sala di regia e spiegando al pubblico che quest’anno non c’era stato il clima giusto per girare la tradizionale puntata di Capodanno e che quindi al suo posto sarebbe andato in onda per coprire il buco di palinsesto “lo show musicale del Capodanno italiano che si intitola ‘Ciao 2020’”. 

"Ciao 2020", la parodia della tv italiana per lo show di Capodanno russo

A quel punto la scena è cambiata e il pubblico è stato catapultato in uno studio televisivo che per colori e ambientazione richiama subito alla mente quelli della tv italiana a cavallo fra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta, così come i personaggi che lo hanno animato, i costumi (tra colletti molto grossi e profonde scollature), la grafica, i testi e le canzoni.

Ivan Urgant si è trasformato in Giovanni Urganti e ha condotto la finta trasmissione italiana presentando i vari ospiti musicali: tutti cantanti russi molto famosi, che hanno visto anche loro il proprio nome “italianizzato” e si sono prestati alla grottesca (e già cult) parodistica esibizione: ad esempio il gruppo Little Big (che ha partecipato all’Eurovision) è diventato la band dei Piccolo Grandi, il rapper Egor Kreed è diventato Giorgio Criddi, la cantante e attrice Olga Buzona invece ha impersonato tale Ornella Buzzi. Ognuno degli ospiti si è esibito parlando e cantando in un italiano abbastanza maccheronico ma comprensibile, tra battute insinuanti e giochi di parole abbastanza spinti. Anche le pubblicità (finte) erano in tema. Alcune canzoni sono state scritte in italiano appositamente per l’evento, altre invece come “Mamma Maria” dei Ricchi e Poveri sono state interpretati dai “Piccolo Grandi” in versione tecno. 

La scaletta dello spettacolo:

00:00 Introduzione
01:30 Giovanni Urganti e Tutti Frutti – Cinque minuti
05:11 NILETTO NILETTI e Claudia Cocca – Crush
07:22 Alessandro Pallini
08:57 JONY – La Cometa
12:34 Ornella Buzzi
13:22 ARTI e ASTI – Bambina balla
17:43 Milanka e Gerolomo Paffuto
18:28 CREMA DE LA SODA – Piango al tecno
20:54 Gigi
23:05 La Dora – Innamorata
25:43 Pubblicità
27:25 Nicola Bascha con Danielle Milocchi – La Baldoria
30:03 Giorgio Criddi – Ragazza Copertina
31:41 Attrici del film "Quatro putane"
34:16 Giovanni Dorni – Cicchi
36:28 Ida Galicci
37:02 Julia Ziverti – Credo
39:35 Enrico Carlacci
41:01 PICCOLO GRANDI (Little Big)– Mamma Maria
46:55 Pippo il Secondo
49:47 La Soldinetta, Vittorio Isaia e Giovanni Urganti – Chiesi io al frassino

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Ciao 2020”, lo show di Capodanno in Russia che prende in giro la tv italiana anni ‘’80

Today è in caricamento