rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
prima serata

Il Concerto di Natale 2021 su Canale 5 con Federica Panicucci: cantanti e scaletta

L'evento, svolto giovedì 16 dicembre all’Auditorium Conciliazione, viene mandato in differita alla vigilia di Natale

Venerdì 24 dicembre in prima serata Canale 5 trasmette il tradizionale appuntamento con il Concerto di Natale 2021. Giunto alla sua 29esima edizione, l’evento si è svolto giovedì 16 dicembre all’Auditorium Conciliazione e viene mandato in differita alla vigilia di Natale con tanti cantanti ospiti nella scaletta. Anche quest’anno alla conduzione c’è Federica Panicucci che ha lasciato temporaneamente il programma Mattino 5 proprio per gli impegni che in questo periodo la portano a Roma prima per il Concerto natalizio e poi a Bari per il Capodanno televisivo.

Capodanno in musica 2022 su Canale 5: gli ospiti e tutte le anticipazioni 

Il Concerto di Natale 2021, i cantanti in scaletta

Il Concerto di Natale è presentato da Federica Panicucci. Sul palco diversi nomi della musica italiana accompagnati dall’Orchestra Italiana del Cinema diretta dal maestro Adriano Pennino. Di seguito i nomi degli artisti:

  • 2Cellos (Croazia)
  • Andrea Griminelli (Italia)
  • Anggun (Indonesia)
  • Arianna (Italia)
  • Bugo (Italia)
  • Enrico Ruggeri (Italia)
  • Emma Muscat (Malta)
  • Federico Rossi (Italia)
  • Francesca Michielin (Italia)
  • Giò di Tonno (Italia)
  • Ian Anderson (UK)
  • Jimmy Sax (Francia)
  • Rita Pavone (Italia)
  • Serena Menarini (Italia)
  • Shaggy (Jamaica)
  • Virginia Union Gospel Choir feat. David Bratton (USA)
  • Piccolo Coro le Dolci Note (Italia)

Il Concerto di Natale negli anni 

Il Concerto di Natale si tiene in Vaticano da ormai 28 anni ed è uno degli eventi musicali più attesi del periodo. La prima edizione risale al 1993 e si svolse all’interno dell’Aula Paolo VI come evento per far conoscere il progetto del Vicariato di Roma “50 chiese per Roma 2000” e per raccogliere fondi per la sua realizzazione. Dall’edizione successiva in poi ospiti internazionali di grande fama si sono avvicendati per una celebrazione speciale della festa più amata e sentita nel mondo, diventando anche un appuntamento televisivo seguitissimo trasmesso su Canale 5 dal 2017.

Il Concerto di Natale 2021 è prodotto da Prime Time Promotions e promosso dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica, a sostegno delle attività di Missioni Don Bosco e della Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes. Per questa occasione, i due enti affrontano due crisi umanitarie che il Covid ha aggravato, ad Haiti e in Libano dove sono tanti i minori a rischio. Scholas Occurrentes e Missioni Don Bosco affrontano queste emergenze con progetti educativi e il ’Concerto di Natalè, attraverso il numero solidale 45582 , lancia la campagna di raccolta fondi per le missioni con lo slogan “Non abbandoniamo Haiti e il Libano”.

Federica Panicucci e l'incontro col Papa

“E’ qualcosa di meraviglioso. Ascoltare le canzoni che nell’immaginario collettivo parlano di Natale nell’atmosfera natalizia dell’Auditorium della Conciliazione di Roma dona grandissime emozioni”, ha dichiarato Panicucci a proposito del concerto. “Vivo come un privilegio il fatto di poter entrare nelle case durante due serate così importanti che si trascorrono in famiglia e con gli affetti più cari”, aggiunge. 

Il Concerto di Natale gode del patrocinio di: Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI),  Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE), Associazione fonografici Italiani (AFI).

Federica Panicucci e il fidanzato Marco Bacini da Papa Francesco: "Grande emozione"

La Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes, cos'è

Nello specifico, la Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes propone un progetto di contrasto alla povertà educativa con l’obiettivo di promuovere una cultura educativa innovativa che favorisca la crescita e lo sviluppo socio-emozionale dei bambini e degli adolescenti di Haiti in contrasto alla povertà educativa che affligge il Paese. Gli obiettivi specifici del progetto sono quelli di creare uno spazio educativo per i bambini di Port-au-Prince tra i 6 e i 9 anni, e generare un processo educativo e di sviluppo integrale per adolescenti dai 12 anni ai 16 anni.

Missioni Don Bosco Onlus affronta il problema del Libano, che sta attraversando la peggiore e più dura depressione dalla fine della guerra civile. Ad El Houssoun i salesiani gestiscono il Centro giovanile Don Bosco, uno spazio aperto a ragazzi e giovani di diversa estrazione e provenienza, dove vengono offerte diverse attività socio-educative, ricreative e di supporto a quattro gruppi principali di destinatari. A Beirut gestiscono dal 2020 la scuola degli Angeli della Pace, originariamente di proprietà della chiesa armena, che offre educazione scolastica non formale a bambini rifugiati che diversamente non avrebbero accesso a opportunità di istruzione in Libano. Ad Al Fidar è attivo l’Istituto Tecnico Don Bosco che offre istruzione e formazione tecnica e professionale di alta qualità a circa 200 ragazzi libanesi dai 13 ai 20 anni, attraverso diversi percorsi formativi. Tutte queste attività hanno subito un duro colpo nell’agosto dello scorso anno a causa della devastante esplosione che ha distrutto buona parte dell’area del porto di Beirut e molti dei beneficiari delle diverse attività portate avanti dai salesiani sono stati in vario modo colpiti dall'esplosione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Concerto di Natale 2021 su Canale 5 con Federica Panicucci: cantanti e scaletta

Today è in caricamento