Giovedì, 21 Ottobre 2021
Tv

“Non lavate le zampe dei cani con la candeggina”: l’appello dei veterinari dopo l’intervista di ‘Pomeriggio 5’

L'utilizzo della sostanza è stato consigliato nel programma condotto da Barbara d'Urso. "Non fatelo, si rischiano danni seri", l'avvertimento di Luca Robutti, presidente dell'ordine dei Medici Veterinari della provincia di Savona

(L'intervista andata in onda a Pomeriggio 5 e contestata dai veterinari)

“La candeggina non va assolutamente usata per disinfettare la zampe dei cani al rientro da una passeggiata, nemmeno se molto diluita in acqua”: a ribadire con forza che detergenti di questo tipo, irritanti e tossici per la pelle e per gli occhi, non vadano assolutamente utilizzati per la pulizia delle zampe di cani e animali in genere è Luca Robutti, presidente dell'ordine dei Medici Veterinari della provincia di Savona, intervenuto su ‘La Stampa’ dopo che l’intervista andata in onda nel programma ‘Pomeriggio 5’ ha sollevato un’ondata di proteste da parte di appassionati cinofili e veterinari stessi.

Tutto è nato dopo la diretta streaming in cui il veterinario Enrico Zibellini intervistato da Barbara D'Urso ha spiegato come pulire le zampe dei propri cani di ritorno da una passeggiata in un momento in cui il timore di contagio da coronavirus è particolarmente forte: “Basta una normale detersione e disinfezione delle zampe stando attenti ai polpastrelli per non irritarli quindi usando materiali disinfettanti molto diluiti a base di clorexidina o banalmente con della candeggina ma molto diluita e tamponare poi le zampe”, ha spiegato il veterinario che, alla richiesta della conduttrice se fosse necessario farlo anche sul muso dell'animale, ha risposto che è preferibile prestare accortezza “a parti delicate come occhi e mucose perché tutti i detergenti sono molto irritanti”.

Coronavirus, l’appello dei veterinari: “Non usate la candeggina per disinfettare le zampe dei cani”

La spiegazione così fornita ha indotto gli animalisti a intervenire per evitare che il numeroso pubblico della trasmissione metta in pratica le indicazioni. “La candeggina non va assolutamente usata neanche diluita. Si rischia di fare dei danni anche molto seri”, le parole di Luca Robutti registrate da ‘La Stampa’: “I cuscinetti nelle zampe sono molto sensibili, si potrebbero generare abrasioni o anche effetti peggiori qualora ad esempio l'animale poi si leccasse le parti trattate. Sul muso ancora più risolutamente no. Tra gli effetti nocivi potrebbe portare a vomito, erosioni della mucosa, del tartufo – il naso ndr - e delle labbra”.

La possibilità che capiti un passaggio dalle zampe alla casa e infine all'uomo è altamente improbabile”, ha proseguito ancora Robutti in merito all’eventualità di contagio del coronavirus che provoca la Covid-19 degli animali: “Se proprio si ha la necessità di pulire la zampe del proprio cane si possono usare acqua e un poco di sapone neutro sciacquando accuratamente. In commercio, anche se in questi giorni può essere più difficile reperirle, esistono anche salviette e detergenti appositi a base di clorexidina sicuri e certificati”.

Covid-19: le risposte dell’ISS ai quesiti dei cittadini sulle modalità di contagio

L'istituto Superiore della Sanità ha redatto un elenco di risposte ai quesiti dei cittadini sulle modalità di contagio tra cui quella dedicata proprio al comportamento da tenere di ritorno da una passeggiata con il proprio cane:

La sopravvivenza del nuovo Coronavirus negli ambienti esterni non è al momento nota con certezza. Se il cane viene a contatto con le zampe con secrezioni respiratorie espulse a terra da persone infette è teoricamente possibile che possa trasportare il virus anche se non vi sono al momento evidenze di contagi avvenuti in questo modo. Quindi, si tratta di osservare l’igiene accurata delle superfici e delle mani lavando i pavimenti con soluzioni a base di cloro all’0.1% (la comune candeggina o varechina), le altre superfici con soluzioni a base di cloro allo 0,5% e le mani con acqua e sapone per oltre 20 secondi o con soluzioni/gel a base alcolica, per uccidere i virus. E’ possibile al rientro a casa lavare le zampe del cane con acqua e sapone, analogamente a quanto facciamo con le nostre mani, avendo cura di asciugarle bene e comunque è opportuno evitare di farlo salire con le zampe su superfici con le quali veniamo a contatto (ad esempio su letti o divani)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Non lavate le zampe dei cani con la candeggina”: l’appello dei veterinari dopo l’intervista di ‘Pomeriggio 5’

Today è in caricamento