Giovedì, 28 Ottobre 2021
Tv

Un'autorizzazione per mandare i virologi in tv? Crisanti: "Una buffonata"

Il professore non ha apprezzato l'ordine del giorno, approvato alla Camera, sulla partecipazione in televisione degli esperti in materia sanitaria

Un'autorizzazione per mandare i virologi in tv? "Questa è una buffonata, venuta in mente forse dopo una visita in Corea del Nord". A parlare, ospite di Rai Radio1, a Un Giorno da Pecora, è il professor Andrea Crisanti, che non ha apprezzato l'ordine del giorno, approvato alla Camera, sulla partecipazione in tv degli esperti in materia sanitaria solo previa autorizzazione. 

"Non si fanno leggi ad personam né per categorie. Questa proposta è un affronto nei confronti dei cittadini", prosegue Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova. E ancora: "Evidentemente c’è una domanda di informazione gigantesca da parte delle persone. I media intercettano questa domanda e la risposta viene da persone che sono in grado di dire qualcosa". 

Se i medici non possono parlare di Covid in tv, ma i politici sì 

Che cosa dice l'ordine approvato alla Camera

I virologi fuori dal tubo catodico. Questa, nel dettaglio, la notizia di questa mattina, secondo cui il governo ha accolto un ordine del giorno a firma del deputato del gruppo Misto Giorgio Trizzino, ex M5S, in cui si chiede "un impegno a intervenire affinché tutti i dipendenti delle strutture sanitarie pubbliche o private (virologi, immunologi, infettivologi, igienisti ecc.), e degli organismi ed enti di diretta collaborazione con il ministero della Salute, possano partecipare alle trasmissioni televisive o radiofoniche e rilasciare interviste previa esplicita autorizzazione della propria struttura sanitaria di appartenenza". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'autorizzazione per mandare i virologi in tv? Crisanti: "Una buffonata"

Today è in caricamento