Mercoledì, 14 Aprile 2021

David di Donatello 2020, Favino trionfa e la moglie lo travolge di baci

Anna Ferzetti non è riuscita a trattenere l'entusiasmo per la vittoria del marito come miglior attore protagonista del film 'Il Traditore'

Carlo Conti e Pierfrancesco Favino, foto Ansa

Una serata da ricordare per Pierfrancesco Favino premiato come come miglior attore protagonista del film 'Il Traditore' nei panni di Tommaso Buscetta. L'attore romano ha vinto la statuetta del David di Donatello 2020 in una 65esima edizione fuori dal comune. La kermesse, trasmessa ieri 8 maggio su Rai Uno e condotta da Carlo Conti è stata davvero inedita. Nel rispetto delle norme previste dal Dpcm presente in studio c'era solo il conduttore, gli ospiti erano tutti in collegamento da casa.

Favino trionfa e viene travolto dalla moglie

Favino ha trionfato sui suoi colleghi, quattro attori big: Toni Servillo (candidato con 5 è il numero perfetto), Alessandro Borghi (in gara con Il primo re), Francesco Di Leva (protagonista de Il sindaco del rione Sanità), Luca Marinelli (con Martin Eden). Tutti i candidati si sono collegati al momento dell’annuncio e tutti hanno applaudito Favino. A fargli i complimenti non sono stati solo i colleghi, Favino è stato letteralmente travolto di baci dalla moglie Anna Ferzetti. Non è riuscita infatti a contenere tutta la sua gioia e così, non appena è stato svelato il nome del vincitore, la signora Favino ha fatto 'irruzione' davanti allo schermo ed ha baciato l'attore.

La dedica di Pierfrancesco Favino

Nel suo intervento da casa l'attore protaginista del film di Marco Bellocchio ha raccontanto un aneddoto che gli è capitato qualche tempo fa prima di fare una dedica ad una persona davvero speciale. Favino ha parlato di un incontro avvenuto con una signora all'interno dell'androne di un palazzo. “Mi ha detto una cosa bellissima, - ha confessato - ‘torni presto a trovarci’. Io tornando verso la macchina ho sentito tenerezza, gratitudine, e orgoglio, di appartenere alla categoria delle donne e degli uomini che fanno parte del mondo dello spettacolo che sono persone che sono state capaci di rialzare la testa sempre”. “Voglio dire a questa signora - ha aggiunto Favino - che tutti quanti noi non vediamo l’ora di poter tornare a farle visita. E non vediamo l’ora di poterlo fare. Questa signora aveva una certa età, e c’è anche un’altra signora di una certa età alla quale desidero dedicare il premio. Si chiama Stella Favino, ed è mia madre”. 

Pierfrancesco Favino e Anna Ferzetti-2

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

David di Donatello 2020, Favino trionfa e la moglie lo travolge di baci

Today è in caricamento