Mercoledì, 21 Aprile 2021

La domenica italiana di Mara Venier vola negli ascolti, tra attualità e sana leggerezza

Oltre 3 milioni e mezzo di spettatori per l'ultima puntata di Domenica In. Dall'ospitata (virtuale, s'intende) di Luca Trapanese e alle gag improvvisate con gli operatori di ripresa, il comune denominatore è la spontaneità della conduttrice, professionista di empatia e di alternanza di registri in tempi di coronavirus. E la trasmissione si allunga fino a fine giugno

Mara Venier, 69 anni, conduttrice di Domenica In

Dall'emozionante collegamento con Luca Trapanese alle gag con gli operatori. Dalla più stretta attualità ai divertenti fuoriprogramma, con un unico comune denominatore, la spontaneità della padrona di casa, Mara Venier, professionista dell'alteranza di registri e icona della tv nazionalpopolare per eccellenza. Questo il segreto del successo di Domenica In, che a stagione inoltrata vola negli ascolti e vince la sua fascia raggiungendo il 20% di share. Una boccata d'ossigeno nei tempi di coronavirus in cui l'intrattenimento è affaticato dall'emergenza sanitaria e il pubblico, chiuso in casa a causa delle misure restrittive, è in cerca di un po' di sana leggerezza, purché sia di qualità. 

Spazio alla riflessione nel salotto di Zia Mara. A partire dall'ospitata (virtuale, s'intende) di Trapanese, papà gay di Alba, la bambina down che ha preso in affido tre anni fa (dopo il rifiuto di sette famiglie), qui per festeggiare la Festa della Mamma. "Oggi è anche la tua festa, per quello che hai fatto. Ho scelto di averti proprio oggi perché non c’è differenza, posso dire che io non vedo la differenza", dice Venier, in uno spazio capace di mettere al centro i 'fatti' scacciando le lungaggini dei dibattiti tipici dei salotti catodici. La storia di Trapanese ha fatto il giro del mondo, diventando anche un libro, e così ieri padre e figlia (vivacissima anche in diretta) impreziosiscono una puntata già pregna di ospiti, come Antonella Clerici e Vittorio Garrone, Costanza Caracciolo e Christian Vieri. 

A condire la puntata l'ormai leggendaria capacità d'improvvisazione della Venier. Un vero e proprio toccasana. Irresisibile il fuoriprogramma in cui incappa un cameran giunto a Cellino San Marco per un collegamento con Romina Power e il figlio Yari Carrisi. L'uomo finisce per inciampare in diretta dopo che la regia da Roma gli chiede di spostarsi per evitare che la sua immagine venga riflessa nel vetro alle spalle della Power. Una caduta rovinosa (ma priva di conseguenze) che diventa uno dei momenti più divertenti della puntata. Come esilarante ed empatico è l'imprevisto della pettinata in diretta: al rientro dalla pubblicità, la conduttrice è tutta intenta a sistemarsi da sola la piega in tempi di saloni chiusi. "Qui si fa tutti da soli, come sapete. Non c'è trucco, non c'è capello. Si fa tutto da soli", scherza. 

Più di tre milioni e mezzo gli spettatori dall'altra parte dello schermo. Numeri importanti che hanno spinto Venier anche a pensare di accettare il prolungamento proposto dalla Rai con altre puntate utili a coprire tutto il mese di giugno. 

Mara Venier: "Nicola con polmonite grave, andavo in onda distrutta. Mi chiedo ancora se era coronavirus"

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La domenica italiana di Mara Venier vola negli ascolti, tra attualità e sana leggerezza

Today è in caricamento