rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Tv

Giletti e i no vax in tv: "Censurare chi la pensa diversamente non mi appartiene"

Il conduttore di Non è l'Arena replica a Mentana spiegando perché continua a dare spazio al dissenso nel suo programma

 "Basta no vax in tv". Quasi un mantra ormai, ripetuto da giornalisti, direttori di tg e dai cittadini stessi, convinti che dare spazio al dissenso in un momento così delicato dell'emergenza Covid sia irrispettoso oltre che controproducente. "Mi onoro di non aver mai ospitato esponenti no vax" ha detto qualche settimana fa Enrico Mentana, ma a La7 non tutti seguono le sue orme. A partire da Massimo Giletti, che a Non è l'Arena spalanca spesso le porte all'opposizione. L'intervista al dentista di Biella che si presentò all'hub vaccinale con un braccio di silicone ne è l'esempio simbolo. 

No vax, Mentana si vanta di non ospitarli. Feltri: "Sbagliato impedire di dire sciocchezze"

"Mentana ha ragione" sul fatto che mettere a confronto uno scienziato e uno stregone non è informazione, "ma lui si riferisce al suo mondo, ai tg" spiega Giletti in un'intervista al Corriere della Sera, sottolineando: "Il suo radicalismo non può essere applicato a chi fa programmi tv, i talk sono fatti di contrapposizione e dialettica, io non amo chi criminalizza il dissenso. Censurare chi la pensa in modo diverso è qualcosa che non mi appartiene. E' giusto porsi la domanda - continua il conduttore - ma è altrettanto vero che quando porti un no vax in tv e senti che spiegazioni dà in automatico si fa male da solo e non fa una bella pubblicità ai negazionisti". 

"Tra le cose dette da esperti e virologi molte castronerie"

Qual è lo stato di salute dell'informazione? "Sono estimatore di Draghi e penso che dobbiamo ringraziare Renzi per aver staccato la spina a Conte - risponde Massimo Giletti - Ma do ragione a Santoro, mi sembra ci sia un generale appiattimento e una forte omologazione. E non è un bene. Dobbiamo farci domande, ottenere risposte; bisogna avere coraggio e anima critica. Quanti cani da guardia siamo rimasti? Se mettiamo insieme quello che hanno detto esperti e virologi negli ultimi due anni troviamo moltissime castronerie; è evidente che c'è stato un problema di informazione. Io credo che anche in un periodo di crisi sanitaria ascoltare chi la vede in modo diverso rimanga fondamentale".

Vespa a Giletti: "Non bisogna dare troppo spazio ai no vax in tv"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giletti e i no vax in tv: "Censurare chi la pensa diversamente non mi appartiene"

Today è in caricamento