Sabato, 27 Febbraio 2021

Coronavirus, Giulio Golia si racconta: “Con un mese di positività ho perso l'udito”

Risultato finalmente negativo, in un'intervista a Libero il conduttore de ‘Le Iene’ ha raccontato la sua difficile esperienza alle prese con il Covid

Giulio Golia

È durata un mese la positività al coronavirus di Giulio Golia, noto volto del programma di Italia Uno ‘Le Iene’ che tornerà a condurre giovedì 5 novembre. Oggi Golia è finalmente negativo e si ritiene fortunato, ma resta comunque la rabbia per un sistema che non supporta i pazienti. In un’intervista a Libero Quotidiano, il conduttore ha raccontato la sua esperienza, dai sintomi della malattia al modo in cui è stata affrontata.

“Come sto? Bene. Tutto è iniziato come asintomatico. Ho appreso di essere stato a contatto con un contagiato che avevo incontrato in un pranzo di lavoro”, ha spiegato: “Dopo due giorni ho avuto dolori, tosse, peso ai bronchi, fortissima emicrania, non riuscivo a tenere gli occhi aperti. Non ho mai avuto febbre, l'olfatto è rimasto, ma ho perso l'udito all'orecchio sinistro, ancora oggi non è recuperato totalmente. Vedevo le ombre. La saturazione è scesa a 93”. Problemi di salute anche per la moglie, colpita da febbre a 39 che scendeva improvvisamente a 35: “Collassava”, ha aggiunto: “Ho rischiato di ricoverarla perché la saturazione era a 90. Mi fanno arrabbiare coloro che dicono "non è nulla, una febbriciattola". Dipende dalle tue difese immunitarie.

Giulio Golia è positivo al Coronavirus

Giulio Golia: “L’immondizia dei malati di Covid va trattata in un certo modo”

A fare arrabbiare Giulio Golia è anche la difficoltà riscontrata nel chiedere aiuto agli organi preposti in una situazione di tale delicatezza: “Sei chiuso in casa e cerchi aiuto. Ho avuto difficoltà io a sentire l'Asl o Immuni, figuriamoci le persone normali. Dicono di non assalire i pronto soccorso ma se non ti danno risposte, consigli, alla fine sei ridotto a farlo”, ha spiegato: “Ad esempio: l'immondizia. Quella dei malati Covid va gestita in modo particolare, ma se non puoi uscire come fai? Dopo 4 giorni in casa puzza, devi chiedere l'elemosina agli amici per venire a buttarla. E alla farmacia per le medicine. La solidarietà non dura per sempre. Mancano linee guida generali. La gente è esasperata perché non ha risposte, sono lì ad aspettare una ipotetica telefonata. Io ho un fratello medico e le persone mi chiamano per i consigli. Ma non dovrei essere io a darli: per esempio avere assolutamente a casa un saturimetro per misurare l'ossigenazione e aiutare le difese immunitarie assumendo tutti i giorni vitamina C”.

Giulio Golia e le carenze dell’app Immuni

Giulio Golia ha anche descritto le carenze registrate dall’app Immuni, messa a punto per monitorare i casi di contagio di coronavirus in Italia: “Ci ho messo dieci-dodici giorni per registrare il mio caso. Mi sono impuntato perché sono capoccione. Dall'altra parte trovi operatori sanitari che hanno altri problemi, dovrebbero prendere altro personale. Lavoro a stretto contatto con tante persone, e loro hanno saputo che avevo il Covid dopo 12 giorni: con il lavoro che faccio, poteva essere una strage. Immuni ha senso, ma deve essere un servizio immediato”, ha affermato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Giulio Golia si racconta: “Con un mese di positività ho perso l'udito”

Today è in caricamento