rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
il verdetto

Perché Kevin Spacey deve 31 milioni di dollari a 'House of cards'

La decisione arriva dopo due anni di battaglia legale combattuta dietro le quinte

Kevin Spacey dovrà pagare 31 milioni di dollari (pari a più di 27 milioni di euro) allo studio che ha realizzato 'House of Cards' per Netflix. Il motivo è la violazione del contratto dovuta alle accuse di molestie sessuali da cui l'attore statunitense si sta difendendo dal 2017 e per le quali ha negato qualsiasi responsabilità. Il verdetto dell'arbitrato è stato depositato da Mrc, la società di produzione, presso la Superior Court di Los Angeles.

La decisione dell’arbitrato

Kevin Spacey, 62 anni, ha perso il suo ruolo da protagonista (il presidente Frank Underwood) in 'House of Cards' e ha mantenuto un profilo relativamente basso da quando è stato accusato di creare un ambiente di lavoro "tossico" sul set, presumibilmente facendo avance spinte nei confronti dei giovani componenti dello staff senza il loro consenso. Nell'arbitrato si afferma anche che Mrc ha subito danni per via della condotta di Spacey, tra cui la necessità di fermare la sesta stagione di 'House of cards', riscrivere la sceneggiatura e abbreviarla da 13 a otto episodi per andare incontro alle scadenze di programmazione. 

L'attore è stato una delle prime star di Hollywood a essere pubblicamente accusata di cattiva condotta sulla scia dello scandalo Weinstein e del successivo movimento #MeToo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché Kevin Spacey deve 31 milioni di dollari a 'House of cards'

Today è in caricamento