Sabato, 8 Maggio 2021
L'opinione di Roberta Marchetti

L'opinione di Roberta Marchetti

A cura di Roberta Marchetti

'Leonardo', il bacio gay su Rai Uno fa (ancora) clamore

Il bacio tra Aidan Turner e Kit Clarke nella serie 'Leonardo'

Ci risiamo. Su Rai Uno va in onda un bacio gay ed ecco che i social vengono inondati da commenti di ogni tipo, pronti a condannare o assolvere qualcosa che dovrebbe essere ormai ampiamente sdoganato e anche grazie alla tv. Scene e relazioni omosex non sono più nuove a film e fiction, eppure continuano a fare clamore, nel male ma anche nel bene. 

L'ultima ieri sera nella serie 'Leonardo', su Rai Uno. Il bacio tra Aidan Turner e Kit Clarke - il primo nei panni del protagonista, mentre l'altro interpreta l'orafo Jacopo Saltarelli - è stata la scena più commentata su Twitter, ma ce n'era davvero bisogno? E' vero quello che hanno fatto notare in molti, cioè che la Rai è finalmente lontana e libera dalle censure di qualche anno fa - come avvenuto per 'I segreti di Brokeback Mountain' o 'Le regole del delitto perfetto' - sottolinearlo però sconfessa in qualche modo i passi da gigante fatti finora dalla tv di Stato, ma più in generale dalla società stessa nei confronti dell'omosessualità. Evidenziare la "svolta" significa per certi versi ammettere una diversità finalmente superata dopo anni di lotte, per non parlare del fatto che la scena risponde a quell'obbligo di verità a cui un biopic deve rispondere. Leonardo fu realmente arrestato per sodomia, assolto poi insieme a Leonardo Tornabuoni - anche lui conquistato dal giovane Saltarelli - grazie all'amicizia tra la famiglia del suo omonimo e Lorenzo de Medici. Persino Mario Adinolfi è riuscito a non concentrarsi sul bacio gay di Leonardo, limitandosi a usarlo come pretesto per un attacco più feroce: "C'è chi mi vorrebbe agitato per il 'bacio omo' nella fiction su Leonardo, ma so bene ormai che se non paghi la tassa alla nota lobby su Gaiuno non muovi un dito - ha twittato il giornalista, leader del Popolo della Famiglia - Più preoccupante il modo con cui Alberto Matano fa propaganda al ddl Zan senza contraddittorio". Ma questa è tutta un'altra storia.

Tornando al nostro Leonardo e a tutti i futuri baci in prima serata, ci auguriamo vengano visti per quello che sono. Baci, senza ulteriori aggettivi. Per dirla con le parole di un altro genio, ma della letteratura: "Molto rumore per nulla".

Si parla di

'Leonardo', il bacio gay su Rai Uno fa (ancora) clamore

Today è in caricamento