Domenica, 25 Luglio 2021
Consigli streaming

I tanti motivi per recuperare il film "Love and Monsters" su Netflix (e il motivo per non vederlo)

La recensione

Ogni tanto capita di vedere il trailer di un film e giudicarlo promettente, tanto da mettere il film tra quelli che ci ripromettiamo di vedere assolutamente, e poi magari di dimenticarcene, fino al momento in cui lo ripeschiamo per caso. A noi è successo con Love and Monsters, il film uscito su Netflix il 14 aprile 2021 (sei mesi dopo l'uscita negli USA): dopo averlo finalmente recuperato, ci sentiamo di dire che è persino meglio di quanto promettesse il trailer.

Insomma, ci sono davvero tanti motivi per non perdersi la visione di Love and Monsters, ma a essere sinceri c'è anche un motivo per non vederlo. Prima di spiegare le ragioni per guardarlo e quella per evitarlo, facciamo un rapido riassunto della trama.

love and monsters locandina-2

Di cosa parla Love and Monsters

In un certo senso, il titolo dice già tutto, ma partiamo dalla fine. I mostri a cui fa riferimento non sono alieni o creature immaginarie, ma insetti, anfibi, rettili e tutti gli animali a sangue freddo. Chiaramente, per essere definiti mostri deve esserci un motivo.

E il motivo è che, all'avvicinarsi di un meteorite contro la Terra ("sì, è così scontato" dice il protagonista-voce narrante), per evitare l'impatto i grandi del pianeta hanno deciso di bombardarla con sostanze chimiche che, pur sortendo l'effetto di distruggere il sasso spaziale, sono poi ricaduti sulla superficie, trasformando appunto gli animali a sangue freddo in gigantesche, feroci e spietate creature mostruose.

A causa della loro voracità, sono morte quasi tutte le persone, e i pochissimi superstiti vivono rinchiusi in bunker, stazioni della metropolitana e rifugi di ogni tipo, sottoterra. È così anche per Joel Dawson (Dylan O'Brien, che forse avete già visto in Teen Wolf), il protagonista del film, che inizia sette anni dopo la fine della guerra (persa) contro i mostri.

E arriviamo quindi al "love" citato nel titolo. Ovvero l'amore di Joel per Aimee (Jessica Henwick, la Nimeria Sand di Game of Thrones), che prima della tragedia era la sua ragazza, ma da cui si è dovuto separare al momento di trovare un rifugio. Da qualche tempo Joel l'ha rintracciata via radio, ma il 24enne di Fairfield, California, è stufo di un rapporto a distanza, e vuole ricongiungersi con la donna che ama.

C'è però un problema: Joel tende a bloccarsi quando è in pericolo. Ci mette anche buona volontà, ma combattere con vermi e rane giganti non è proprio il suo forte (il suo forte è il minestrone, nominato più volte nel film in italiano, ma anche l'abilità nel disegnare i mostri che incontra). Lo avvisano i compagni di bunker, ma Joel non sente ragioni e parte per raggiungere il rifugio di Aimee, distante 85 miglia. 

Ad aiutarlo, lungo il tragitto, ci penseranno tre amici in particolare: Boy, un simpatico e intelligente cagnolone che ha perso la sua padrona dal vestito rosso (che poi nella realtà sono due cani, Hero e Dodge), e poi Clyde (Michael Rooker) e Minnow (Ariana Greenblatt), un uomo e una bambina esperti di sopravvivenza in superficie. 

Ci fermiamo qui per evitare spoiler, e vi invitiamo a vedere il trailer di Love and Monsters

Perché vedere Love and Monsters su Netflix

A leggere solo la trama, Love and Monsters sembra "solo" un film romantico e post apocalittico. Eppure questo film è soprattutto una commedia divertente, grazie alla simpatia che suscita Joel, con la sua insicurezza e il suo idealismo, ma anche per come parla a Boy, trattandolo da vero e proprio amico.

Per intederci, Love and Monsters ha qualcosa di The Last Man on Earth, un pizzico di Anna di Ammaniti, un non so che di Sweet Tooth e forse anche un briciolo di The 100 e Lost. Solo che non è una serie, ma un film di meno di due ore che racconta una storia dai ritmi serrati senza mai tralasciare pezzi importanti. 

Se anche una sola delle serie tv citate è nel vostro cuore (a parte Lost, chi non ha amato Lost?!), Love and Monsters vi piacerà. Vi emozionerà, vi terrà col fiato sospeso, e come detto vi farà anche sorridere più di una volta. 

E poi, mostri a parte, i panorami e le locations del film sono così suggestive da volercisi immergere, tra boschi sterminati, città abbandonate e, scusate lo spoiler, le "meduse del cielo" così stupende che viene voglia di metterne una sul terrazzo.

Anche l'aspetto romantico del film è tutt'altro che melenso e banale, così come in generale la caratterizzazione dei personaggi è a livelli straordinari per quella che, come detto, alla fine è comunque una commedia. Infine, va detto che Love and Monsters ha ottenuto una nominations agli Oscar nella categoria effetti speciali, anche se poi la statuetta è andata a Tenet.

Perché non vedere assolutamente Love and Monsters

Detto ciò, bisogna essere onesti fino in fondo e avvertire chi ha intenzione di vedere Love and Monsters che c'è un elemento fortemente disturbante che può precludere il godimento del film. 

Insomma, diciamolo: se vi fanno ribrezzo o paura gli insetti, gli anfibi e i rettili, lasciate perdere. Finireste con le mani davanti agli occhi per gran parte del film, e i più delicati potrebbero anche accusare qualche conato.

Inutile dirvi di fare uno sforzo: le fobie sono fobie, e non ha senso guardare un film in teoria divertente contorcendosi per il disgusto. Per quello ci sono gli horror, dove almeno si sa a cosa si va incontro. 

(mini spoiler) Ci sarà Love and Monsters 2?

Non vi diciamo nulla sul finale del film, ma concedeteci un'ultima informazione: Michael Matthews ha rivelato al magazine Decider che ha già in mente qualcosa per il sequel di Love and Monstewrs, ma se verrà prodotto o meno dipenderà dal successo che il film riscuote presso il pubblico. Insomma, questo è un motivo per guardarlo o per evitarlo, dipende da voi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I tanti motivi per recuperare il film "Love and Monsters" su Netflix (e il motivo per non vederlo)

Today è in caricamento