Martedì, 2 Marzo 2021

Bordata di Magalli: "Censimento dei raccomandati in Rai? Pericoloso"

Il conduttore dice la sua dopo la provocazione del Ministro Di Maio e svela di quando anche lui fu costretto a far lavorare qualcuno su richieste dall'alto

Giancarlo Magalli

Una provocazione, ma mica poi tanto quella di Luigi Di Maio. Il Ministro del Lavoro ha proposto un censimento dei raccomandati della pubblica amministrazione per ristabilire il principio della meritocrazia. Rai inclusa.

A dire la sua sulla spinosa questione uno dei conduttori storici della tv di Stato, Giancarlo Magalli. E non la tocca piano. "Un censimento dei raccomandati basato sulle delazioni sarebbe molto pericoloso - rivela a Vanity Fair - Però se i dirigenti ammettessero di aver assunto un incapace dietro raccomandazione, sarebbe già un inizio". 

Una bella bordata quella di Magalli, che parla anche di quella volta in cui ha dovuto far lavorare una persona perché segnalata da "livelli altissimi". "La impiegai per quello che sapeva fare - ricorda pungente - niente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bordata di Magalli: "Censimento dei raccomandati in Rai? Pericoloso"

Today è in caricamento