rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Tv

Liorni da record con 'Reazione a catena', vola sul 'rivale' Gerry Scotti: "Felice per la fiducia del pubblico" | ESCLUSIVA

Ottimi risultati per il preserale estivo di Rai1 condotto da quello che si conferma uno dei volti più amati della tv italiana

Non solo tenere testa, ma superare (e neanche di poco) un mostro sacro come Gerry Scotti. Chi l'avrebbe mai immaginato. E invece Marco Liorni è riuscito nell'impresa. Al timone di 'Reazione a catena', in onda tutti i giorni su Rai1 alle 18.45, il conduttore sta incassando un successo dietro l'altro in termini di ascolti, arrivando fino a segnare un +7 di share su 'Caduta libera'.

Nonostante Canale 5 resti accesa in piena estate, nel preserale, con un grande personaggio come Scotti, che fa comunque buoni ascolti, è il quiz in onda sull'ammiraglia Rai ad avere la meglio. Merito del format di successo, ma anche del nuovo padrone di casa che si conferma uno dei volti più amati dal pubblico. Insomma, il programma piace ma piace anche il conduttore, che reduce dall'ottima stagione con 'Italia sì' - riconfermato anche il prossimo anno nel sabato pomeriggio di Rai1 - approda al game show, dimostrando una versatilità rara e vincente. "Mi trovo bene quando ci sono i cambi di registro" ci ha spiegato al telefono durante una pausa dalle prove e con grande umiltà fa gli onori di casa più che del padrone: "Il programma è sempre andato molto bene. Mi piace perché mette insieme persone di tutte le età: le mie figlie, di 8 e 14 anni, lo seguono con le nonne. Inoltre è un gioco che tiene alta l'attenzione sulla lingua italiana e questo è importante". 

Ok la potenza del format, ormai rodato, ma l'affetto e la stima del pubblico nei suoi confronti sono innegabili: "Questa è una cosa bellissima. Avere la fiducia del pubblico è importante per chi fa questo lavoro. Proporsi in ruoli mai ricoperti, come 'Reazione a catena', non è semplice ed è un immenso piacere vedere risultati simili. Il mio primo referente è sempre il pubblico, è un rapporto di fiducia che non vai mai tradito". E lui, mettendocela sempre tutta, non lo tradisce, così come non tradisce la fiduca che la Rai continua a dimostrargli: "Non avevo mai fatto quiz. Oltre alla fiducia c'è stata anche l'intuizione che qualcosa potesse funzionare. Mi sento compenetrato nel servizio pubblico, anche se vengo da Mediaset. Lì sono molto incentrati sugli ascolti, sull'andare al cuore della proposta. In Rai c'è questo ma ci sono anche tanti altri obblighi da servizio pubblico e la possibilità di mettere insieme questi due aspetti, tv commerciale e servizio pubblico, è molto importante".

Tornando alla vittoria - schiacciante - su Gerry Scotti, Liorni resta low profile: "Gerry è un mostro sacro, un grande maestro. Ognuno fa il suo lavoro. Semplicemente alcune persone preferiscono un tipo di gioco, altre un altro. Il bello è che ci sia una grande platea che sceglie uno dei due programmi per stare in serenità e allenare la mente". 

Gambe in spalla e pedalare, questo il leit motiv del suo percorso professionale e senza alcun dubbio il segreto di tanto successo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liorni da record con 'Reazione a catena', vola sul 'rivale' Gerry Scotti: "Felice per la fiducia del pubblico" | ESCLUSIVA

Today è in caricamento