Martedì, 13 Aprile 2021

Maria De Filippi: “Non so se la busta di ‘C’è posta per te’ si potrà ancora fare”

“La tv che faccio io ha sempre rispecchiato la realtà e dunque dovremo rimodularci”, ha spiegato la conduttrice e autrice televisiva in relazione all’emergenza sanitaria che ha stravolto le abitudini degli italiani

Maria De Filippi a 'C'è posta per te'

Le regole che impongono il distanziamento sociale per scongiurare ogni rischio di contagio da coronavirus hanno stravolto le abitudini degli italiani e, con loro, anche il tradizionale modo di fare tv. Niente più pubblico in studio, quasi azzerati gli ospiti e pure i format dei programmi così come erano stati costruiti fino ad oggi diventano tema da discutere in vista di un prossimo futuro che di certo non prevede un facile ritorno alla cara vecchia normalità.  

L’argomento è stato affrontato in un’intervista al Corriere della Sera da una professionista del piccolo schermo come Maria De Filippi che, seppur con i doverosi stravolgimenti, ha traghettato la 19esima edizione di ‘Amici’ fino alla puntata finale. Inevitabile, tuttavia, è chiedersi cosa succederà in futuro, come e quanto cambierà la ‘sua’ tv, una trasmissione di successo come ‘C’è posta per te’ con l’avvento di una situazione che obbliga a rimodulare dinamiche e situazioni.

Maria De Filippi: “Non so se la busta di C’è posta che si toglie e l’abbraccio si potranno ancora fare”

“Ci sarà per forza una ripercussione, non è pensabile diversamente”, ha osservato Maria De Filippi in riferimento alla contrazione degli investimenti pubblicitari in corso nell'ambito televisivo: “E anche i ragionamenti sui programmi vanno cambiati, magari dovremo abituarci a una riduzione del pubblico, abbiamo visto che si può fare per necessità tv anche senza ospiti, ci dovremo adattare perché non sappiamo quanto durerà e gli investimenti saranno necessariamente ridimensionati”.

“Ma la tv — la tv che faccio io — ha sempre rispecchiato la realtà e dunque dovremo rimodularci”, ha aggiunto: “Bisognerà dare più importanza alle parole e meno ai comportamenti e quello che diremo dovrà corrispondere ai sentimenti che manifestiamo. La busta di C’è posta che si toglie e l’abbraccio si potranno ancora fare? Ora non lo so. Ma so che la tv deve corrispondere a quello che succede fuori, questo è il momento che viviamo e di conseguenza va pensato tutto diversamente”.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maria De Filippi: “Non so se la busta di ‘C’è posta per te’ si potrà ancora fare”

Today è in caricamento