Venerdì, 7 Maggio 2021
La cucina del futuro / Italia

Masterchef 10: gli ingredienti "impossibili" di chef Riccardo Canella, tra formiche e pigne candite

Chef Canella ha portato con sé alcuni ingredienti molto particolari che rappresentano il futuro della cucina internazionale, ma decisamente difficili da trattare

Nella puntata della decima stagione di Masterchef Italia, andata in onda giovedì 25 febbraio su Sky, l'ospite speciale per l'Invention Test era Riccardo Canella, sous chef del "Noma" a Copenaghen, nonché responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo del Ristorante più famoso al mondo: un vero talent scout dei sapori.

Chef Canella - invitato dai giudici che hanno alzato l'asticella di una stagione già di livello altissimo - ha portato con sé alcuni ingredienti molto particolari che rappresentano il futuro della cucina internazionale, ma decisamente difficili (per non dire "impossibili") da abbinare.

Stiamo parlando di aghi e olio di abete e pigne candite, olio di legno di ribes nero e le sue gemme, un olio di coniglio, olio di rosa, formiche dal sapore molto simile all’aceto, koji d’orzo (una lamina di orzo cotta a vapore), sale d’alga kelp arrostito, tamari di peperone rosso (un’estrazione di una fermentazione del peperone), un garum di ostriche, uno di calamaro, un altro di manzo e un altro ancora di alette di pollo (il garum prende il nome dal garum romano, una salsa fermentata di pesce azzurro che veniva pressata nei barili con del sale e lasciata lì a maturare).

Ingredienti come dicevamo molto difficili da abbinare tra loro: basta una piccola dose sbagliata di uno di questi alimenti e il piatto diventa immangiabile.

Abbinamenti molto difficili: Federica non supera la prova e viene eliminata

A Irene, vincitrice della Mystery, la possibilità di conoscere tre piatti preparati dallo chef e di assegnare a ciascuno dei suoi avversari due di questi ingredienti da abbinare tra loro, ma senza i preziosissimi suggerimenti di Canella: le coppie da “mission impossible” (formiche e garum di manzo, garum di ostriche e tamari di peperone rosso, olio di coniglio e garum di calamaro) sono andate rispettivamente ad Antonio, Federica e Azzurra; gli abbinamenti “più facili” (garum di alette di pollo e aghi e olio di abete e pigne candite, sale d’alga kelp arrostito e koji d’orzo) sono invece finiti sulle postazioni rispettivamente di Monir e “Aquila”.

Per sé, invece, Irene ha scelto una tra le coppie più agevoli, secondo Chef Canella, quella con olio di legno di ribes nero e le sue gemme e olio di rosa.

Per tutti, 45 minuti a disposizione, al termine dei quali Barbieri, Cannavacciuolo, Locatelli e Chef Canella hanno premiato ancora Irene, il cui piatto è stato giudicato “eccellente”; tra i peggiori, invece, sono finiti Federica e Antonio, ed è stata la studentessa di ingegneria di 30 anni nata a Cosenza a dover togliere il grembiule.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Masterchef 10: gli ingredienti "impossibili" di chef Riccardo Canella, tra formiche e pigne candite

Today è in caricamento