rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
libero

Patrick Zaki, le prime parole in tv da Fazio: "Ancora non ci credo"

Lo studente dell'Università di Bologna, rilasciato dopo quasi due anni di carcere preventivo in Egitto, è stato ospite a 'Che tempo che fa'

"Sto bene. Sto cercando di capire cosa mi è successo, grazie a quello che tutti voi e il vostro programma ha fatto per me", così Patrick Zaki, in collegamento ieri sera con Che tempo che fa, ha commentato queste prime giornate di libertà. Lo studente dell'Università di Bologna, rilasciato lo scorso 8 dicembre dopo quasi due anni di carcere preventivo in Egitto, ha concesso la prima intervista televisiva a Fabio Fazio.

Ad accoglierlo un lungo applauso del pubblico in studio, tutto in piedi, e i messaggi di affetto e solidarietà che nel frattempo arrivavano su Twitter durante la diretta. "Mi sembra di essere in un sogno" ha detto, ricordando i mesi di detenzione: "Mi è mancato tutto. Gli amici, la mia famiglia, il cibo, i miei colleghi, i miei libri. Appena arrivato a casa mi sono fatto una doccia calda, avevo bisogno della sensazione dell'acqua calda addosso". I momenti di sconforto sono stati tanti, ma il 28enne ha lottato costantemente per non abbattersi: "Ho cercato di girare a mio favore ogni cosa successa, forte della mia innocenza - ha spiegato - E ho sentito la vicinanza della mia famiglia e di tutti i miei amici bolognesi. Fino a poche ore prima del rilascio ero molto preoccupato, poi improvvisamente mi sono ritrovato fuori. Ancora non ci credo. Quando mi hanno tolto le manette ero davvero confuso, davvero mi hanno lasciato libero?". 

In Egitto fino al processo

Zaki è ancora in Egitto, libero ma in attesa del processo. L'udienza si terrà a febbraio: "Tengo le dita incrociate e spero di tornare presto a Bologna - ha detto ancora - Non vedo l'ora di tornare dai miei colleghi e dai miei amici. L'udienza non è stata ancora tenuta e non riesco a lasciare il Paese, ma non ho nessun divieto di viaggiare". Il desiderio più grande, oltre a voler scrivere la parola fine a questo terribile capitolo, è quello di tornare a Bologna, dove studia: "Mi sento bolognese e voglio vivere a Bologna, fare qualcosa per questa città che mi ha sostenuto in questi mesi. E voglio andare allo stadio il prima possibile, forza Bologna".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrick Zaki, le prime parole in tv da Fazio: "Ancora non ci credo"

Today è in caricamento