Mercoledì, 2 Dicembre 2020

Il commovente discorso di Piero Chiambretti per Francesco Totti dopo la morte del papà per coronavirus

Un destino comune, quello del conduttore e del calciatore: entrambi hanno perso i genitori a causa del covid

Piero Chiambretti e Francesco Totti

La solidarietà di Piero Chiambretti per Francesco Totti arriva in diretta televisiva, durante l'ultima puntata di 'Tiki Taka'. Un discorso pronunciato dal conduttore con il cuore in mano, dopo che ieri l'ex capitano della Roma ha perso il padre Enzo a causa del coronavirus. E dopo che lo stesso Chiambretti a marzo ha dovuto dire addio alla madre Felicita per covid

Non posso che dire: forza, Francesco. Non ci sono parole per sostenere un figlio che perde un genitore. Un dolore che ci accomuna tutti. Non posso che dire forza Francesco! Si può morire in tanti modi, però morire di Covid fa davvero rabbia. Una malattia che viene dalla Cina, che non si è riusciti a gestire. Più che le parole ci sono le sensazioni che si vivono, per fortuna, poche volte nella vita. Così quando arriva il dolore immenso pensi di saperlo gestire e invece ti rimane addosso e ti fa anche cambiare.

Morto il papà di Totti

Enzo Totti se n'è andato ieri all'età di 76 anni. Il figlio lo definiva uno "sceriffo", in virtù delle sue qualità caratteriali: disciplina e attenzione: "Non mi ha mai fatto i complimenti, anzi mi ha sempre bastonato. Quando facevo due gol diceva che potevo farne quattro. Forse questa è stata la mia fortuna. I miei genitori mi hanno insegnato i giusti valori", ha confidato in passato. L'uomo era ricoverato allo Spallanzani per gravi patologie polmonari e sarebbe anche risultato positivo al Covid. Lo rivedremo nella serie tv Sky "Un Capitano", con Pietro Castellitto nei panni di Francesco, dove sarà interpretato dall'attore Giorgio Colangeli

Anche la mamma di Chiambretti è morta di coronavirus

Lo stesso Chiambretti in primavera si è trovato a combattere contro il coronavirus: lui ne è uscito vincitore, mentre la mamma Felicita, che aveva 83 anni, è morta il 23 marzo. "All’inizio io e mia madre eravamo nello stesso ospedale - ha raccontato di recente - ma non sono riuscito a vederla perché si è aggravata subito. Dopo me l’hanno portata nel letto di fianco, almeno l’ho rivista da vicino. Però dopo pochi giorni è peggiorata ancora e a quel punto, per protocollo, mi hanno chiesto che per non farla soffrire sarebbe stato meglio lasciarla dormire: è stata la cosa più brutta della mia vita. È stata dura però è successa una cosa: lei faceva la poetessa ed è morta nel giorno mondiale della poesia. E nella notte in cui è mancata io sono guarito: mi ha dato la vita due volte”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il commovente discorso di Piero Chiambretti per Francesco Totti dopo la morte del papà per coronavirus

Today è in caricamento