rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Tv

Bufera su Maso a "L'intervista", Costanzo replica: "Le persone vanno conosciute"

L'uomo, che nel '91 massacrò i genitori, giovedì 5 ottobre parlerà in trasmissione di quella terribile vicenda, rimasta tra le pagine più nere della cronaca italiana

Non si arresta la polemica sulla decisione di Maurizio Costanzo di ospitare nel suo programma Pietro Maso, l'uomo che nel 1991 massacrò i genitori a Montecchia di Crosara e condannato a trent'anni di carcere. Maso è il protagonista de "L'intervista", in onda giovedì 5 ottobre in seconda serata su Canale 5, dove parlerà di quella terribile vicenda, tra le più nere di sempre della cronaca italiana.

Uno "scempio mediatico", come lo hanno definito in molti sui social, o peggio ancora "una miseria per ottenere mezzo punto in più di share", ha sentenziato il legale delle due sorelle di Pietro Maso, ma dopo tante critiche è il padrone di casa a intervenire. "Io parto da un principio: le persone vanno conosciute - ha detto senza mezzi termini ai microfoni di Radio 1, durante la trasmissione Un giorno da pecora - Lui ha fatto 22 anni di carcere e poi è uscito per volere del magistrato. Non solo: dopo che l'ho intervistato, sarebbe partito per la Spagna, avendo il passaporto che gli hanno dato le autorità".

Rimessi al loro posto gli haters, Costanzo lancia una frecciatina anche agli avvocati delle sorelle Maso: "Parlano di miseria sperando di guadagnare di più". E infine invita a seguire la tanto contestata intervista: "Secondo me è molto vera. Consiglio alle persone prive di preconcetti di guardarla per capire una persona che ha il suo passato". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera su Maso a "L'intervista", Costanzo replica: "Le persone vanno conosciute"

Today è in caricamento