rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Diritti lgbt

Stefania Orlando paladina dei diritti LGBT: "Basta etichette, in Senato sul DDL Zan teatrino terribile"

L'ex gieffina si è scontrata con Giuseppe Cruciani e Marisela Federici al Maurizio Costanzo Show

Puntata del Maurizio Costanzo Show a tema LGBTQ+, quella andata in onda ieri sera su Canale 5. Tra gli ospiti Drusilla Foer, Marisela Federici, lo scrittore e crossdresser Stefano Ferri, Tommaso Zorzi, Giuseppe Cruciani, Ivan Zazzaroni, Fabio Caressa e Stefania Orlando, da sempre vicina alla comunità queer, paladina dei diritti e icona.

Orlando vs. Federici

L'ex gieffina ha replicato a tono a Federici, che ha espresso perplessità dinanzi al look al femminile di Ferri. "L’abito non fa il monaco, però c’è una questione di ordine sociale”, ha detto Marisela. "Ci sono delle convenzioni sociali e qui mi sembra che tu sia in mezzo tra maschio e femmina. Secondo me sei un ibrido, capisco che per tua figlia sarà stato uno shock“. Parole che hanno scatenato l'immediata reazione di Stefania Orlando.  “Signora il problema è suo, non di lui. Lei ha un problema perché non riesce a recepire, perché ognuno è libero di essere quello che vuole, anche né uomo, né donna, entrambi o quello che si sente. Quindi è un problema di ricezione e non di messaggio. Non cercare una rassicurazione dalle immagini che vedi e iniziamo a cambiare questa società. ‘Questa immagine mi piace e quindi l’accetto, questa non mi torna e la critico’, non va bene in questo modo. E poi basta dire mezzo uomo o mezza donna, smettiamola con queste etichette“.

Orlando vs. Cruciani

Applausi a scena aperta dal pubblico in studio per Orlando, poco dopo tornata alla carica nei confronti di Giuseppe Cruciani, contrario al DDL Zan perché convinto che gli omosessuali in Italia siano già protetti, "con le leggi degli etero". Stefania è subito partita all'attacco.  “Ma cosa stai dicendo dai. Lo dici da etero tu. L’Italia è tra i pochi paesi europei con la Polonia a non avere una legge contro l’omotransfobia. In più abbiamo assistito ad un teatrino terribile dove si esultava con tanto di applausi. Non si esulta perché non passa una legge di diritti. E non buttiamo in caciara questa cosa. Io vorrei sapere cosa toglie a voi la tutela dei diritti di una fetta di popolazione discriminata“. Quesito puntualmente rimasto senza risposta.

Stefania Orlando in lacrime per l'amica scomparsa: "Una parte di me è andata via con lei"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stefania Orlando paladina dei diritti LGBT: "Basta etichette, in Senato sul DDL Zan teatrino terribile"

Today è in caricamento