rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Tv

La storia di Carlo Alberto Dalla Chiesa, stasera in tv ne "Il nostro generale"

Questa è la storia della guerra tra Stato e Brigate Rosse, come non è stata ancora raccontata. L’interpretazione non imitativa ma profondamente realistica è quella di Sergio Castellitto

Il nostro generale, in onda su Rai Uno in tre puntate, è una serie che racconta gli Anni di piombo da una prospettiva inedita. Non è una storia che ha al centro il mondo dei brigatisti; non è un racconto che si spinge in quella zona grigia della nostra società, che è stata pericolosamente vicina al mondo dell’eversione; non è nemmeno il biopic di un personaggio centrale della seconda metà del Novecento italiano, come il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa.

Questa è la storia della guerra tra Stato e Brigate Rosse, come non è stata ancora raccontata. Dai rapimenti lampo del 1973 all’arresto dell’ultimo capo delle Br, Giovanni Senzani, nel 1982, passando dal rapimento di Aldo Moro a Patrizio Peci, il primo pentito delle Br. Un decennio cupo e violento, che si è lasciato dietro un’enorme scia di sangue. Una guerra, combattuta da ragazzi: da un lato i giovani aderenti alle organizzazioni terroristiche rivoluzionarie, dall’altro un gruppo di ventenni – carabinieri e poliziotti – appartenenti ai Nuclei speciali antiterrorismo.

Al centro, la figura di Carlo Alberto dalla Chiesa che, all’inizio della nostra storia, viene trasferito da Palermo a Torino per indagare il clima di tensione che sta investendo il triangolo industriale. Il Generale lentamente riesce a comprendere e poi a colpire le Brigate Rosse, grazie a un lavoro di analisi modernissimo e all’utilizzo di armi inedite per l’epoca, come gli infiltrati e poi anche i pentit I successi di dalla Chiesa si portano dietro infinite polemiche; i terroristi perdono i pezzi e si rigenerano di continuo, mentre il protagonista scopre di avere nemici dentro la stessa Arma e in politica, in quegli anni profondamente condizionati dalla P2 di Licio Gelli.

La memoria di quel decennio è custodita nei servizi della tv in bianco e nero e negli annunci dei primi telegiornali a colori della Rai: su questa memoria visiva ho costruito la messa in scena di questa serie. Col mio direttore della fotografia Marco Bassano ho deciso di mescolare i formati, abbinando al digitale dei nostri giorni le riprese effettuate con la pellicola 16mm (in bianco e nero e a colori) e con vecchie telecamere anni Ottanta. In questo modo abbiamo creato un universo visivo innervato di repertori reali, repertori creati ad arte e scene che mescolano realtà e finzione.

L’interpretazione non imitativa ma profondamente realistica di Sergio Castellitto, l’intensità di Teresa Saponangelo nel ruolo di Dora dalla Chiesa, la freschezza di un gruppo di attori giovani pieni di talento e un lavoro maniacale di casting sui tanti ruoli (più di cento), hanno dato corpo e vitalità ai nostri personaggi. La scelta di girare, per quanto possibile, nei luoghi reali dove si sono svolti i fatti raccontati, ci ha restituito un ulteriore tasso di verità. Torino e Palermo in particolare sono città ancora simili a quelle che erano quarant’anni fa, ma sembrano non avere memoria di quegli anni, in cui ogni giorno il telegiornale della sera era una specie di bollettino di guerra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Carlo Alberto Dalla Chiesa, stasera in tv ne "Il nostro generale"

Today è in caricamento