rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Le previsioni meteo

Il ciclone sull'Italia: scuole chiuse e allerte rosse

Previsti nubifragi e venti fino a 100 chilometri orari. Preoccupa la situazione in Emilia Romagna con il secondo evento estremo in due settimane: scuole chiuse e aziende in smart working

Oggi la Sicilia, domani la Romagna: scuole chiuse e l'invito dei sindaci ai cittadini a restare a casa limitando gli spostamenti, tutto per colpa di un ciclone mediterraneo che si è formato al largo di Malta e che lentamente nelle prossime ore salirà nel mar Tirreno per poi spostare il suo centro di bassa pressione in Adriatico prima di dissolversi. I moti convettivi richiameranno aria fredda dagli alti strati dell'atmosfera che a contatto con l'umidità in risalita dai mari (che mai come quest'anno hanno conservato alte temperature e energia potenziale) porteranno piogge e temporali intensi.

Come dicevamo oggi il dipartimento di Protezione civile ha emesso un avviso di allerta rossa per la provincia di Trapani e in alcune zone del Palermitano, Agrigentino, Nisseno, Messinese ed Ennese.

Maltempo in Sicilia, disagi anche per chi viaggia: treni cancellati e aerei dirottati

I sindaci siciliani hanno chiuso scuole e invitato i cittadini ad evitare spostamenti non necessari. Nella notte il vortice ciclonico si sposterà lentamente verso Nord e dalla prima mattina di domani martedì 16 maggio intense perturbazioni colpiranno le regioni costiere di Campania e Calabria con precipitazioni più copiose sulle zone interne. Ma l'attenzione dei centri meteo è tutta per la zona pedemontanta appenninica dell'Emilia Romagna dove per la seconda volta in due settimane si prevede un evento meteo estremo. 

allerta rossa 16 maggio 2023 cosa succede

Se l'allerta meteo interessa varie regioni toccate dal passaggio del ciclone, il bollettino previsionale della protezione civile indica allerta rossa in vaste zone pedemontane della Romagna, fino alle pendici dei colli bolognesi. Qui sono certe infatti precipitazioni importanti e persistenti che potranno causare disagi e situazioni di pericolo.

Alluvioni e mareggiate spaventano il Ravennate

Nel ravennate è già stata predisposta la chiusura di scuole e centri anziani. Alto è il timore di eventi alluvionali come segnalato dall'Agenzia regionale di protezione civile. Domani saranno chiusi "a livello precauzionale, anche per non aggravare le criticità sulla viabilità comunale - spiega il Comune di Ravenna - i servizi educativi, le scuole di ogni ordine e grado compresi i centri di formazione professionale, i centri di aggregazione giovanile, i centri diurni per anziani e disabili e i centri socio-occupazionali. I Servizi sociali stanno provvedendo a contattare tutte le persone in condizioni di particolari fragilità fisiche e tutte le strutture che le ospitano, nelle aree a rischio, per verificare le loro condizioni e dare indicazioni e contatti da utilizzare in caso di emergenza.

Scuole chiuse in Emilia Romagna

Se Ravenna è stato il primo capoluogo di provincia a chiudere le scuole, stessa scelta è stata presa dal sindaco di Forlì Gian Luca Zattini che ha chiesto alle aziende di attivare lo smart working per evitare spostamenti non indispensabili. Una scelta condivisa anche a Cesena e Cesenatico sul litorale romagnolo. Ma le ultime previsioni hanno allarmato anche Bologna: scuole chiuse anche nel capoluogo regionale mentre alcuni sindaci della provincia valutano anche di tenere gli studenti a casa anche mercoledì 17. Riattivata la dad all'università di Bologna mentre le aziende sono state incoraggiate a predisporre lo smart working per i dipendenti.

La preoccupazione è alta per le zone collinari dove il terreno si presenta saturo di acqua: dopo l'evento estremo registrato lo scorso 2 e 3 maggio infatti sono seguiti altri giorni di pioggia che hanno aggravato la situazione: frane già innescate, fiumi e torrenti già in piena sono strettamente monitorati dalla protezione civile. Ma le criticità riguarderanno anche la costa: è previsto infatti vento forte che unito all'alta marea porterà mareggiate sulle spiagge non più protette dalle dune invernali.

precipitazioni romagna 16 maggio 2023

Inoltre si presenteranno condizioni per cui l'Adriatico non agevolerà lo scarico a mare delle ingenti quantità di acque previste in fiumi e torrenti. Sui bacini Romagnoli e affluenti di Reno si prevedono colmi di piena prossimi ai franchi arginali e ai massimi storici registrati.

La peggior condizione possibile che rischia di innescare esondazioni e allagamenti nelle zone più depresse.

mare 16 maggio 2023

Previsioni meteo, dove pioverà

Il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara spiega che si tratterà di una condizione quasi eccezionale per maggio. Tra lunedì e martedì avremo a che fare con piogge e temporali anche di forte intensità in risalita su gran parte del Centrosud ma poi ancora al Nord, con rischio nubifragi, allagamenti e criticità. Le zone più critiche saranno dapprima Sicilia, ma poi anche Toscana, Lazio, Campania, Calabria e infine pure Umbria, Marche ed Emilia Romagna. Su queste zone non esclusi picchi di oltre 80-100 millimetri di pioggia. "Oltre alle ingenti precipitazioni i venti soffieranno anche forti o molto forti attorno al vortice ciclonico- avverte Ferrara di 3bmeteo.com - in particolare sempre tra lunedì e martedì le raffiche potranno anche sfiorare gli 80-100km/h su diverse aree del Centrosud con possibili danni. Da segnalare comunque bora rabbiosa sull'alto Adriatico e tramontana tesa sulla Liguria. Mari dunque molto mossi o agitati, se non grossi al largo, con possibili locali mareggiate". "Non sarà finita qui: per quanto da mercoledì il maltempo allenterà la presa e il ciclone perderà forza, il tempo comunque non si sistemerà del tutto. Anche per il resto della settimana infatti avremo a che fare con improvvisi locali acquazzoni e temporali, pur distribuiti in modo molto irregolare. Questo perché l'alta pressione continuerà a latitare su Mediterraneo centrale e Italia, lasciando anzi probabilmente spazio all'ennesimo vortice ciclonico entro il prossimo weekend (da confermare). Insomma ne avremo probabilmente fin quasi alla fine di maggio; per il caldo e la stabilità estiva bisognerà ancora attendere"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ciclone sull'Italia: scuole chiuse e allerte rosse

Today è in caricamento