rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Previsioni

Nuova ondata di maltempo: le regioni colpite

Nelle prossime ore una nuova perturbazione alimentata da aria fredda e sospinta da forti venti di Libeccio raggiungerà molte regioni: domani il giorno peggiore

Torna la pioggia dopo una tregua lampo. Nelle prossime ore una nuova perturbazione alimentata da aria fredda e sospinta da forti venti di Libeccio raggiungerà molte regioni. Il team del sito www.iLMeteo.it informa che già nella giornata di mercoledì il tempo peggiorerà subito sulla Sardegna con cielo coperto e isolati piovaschi, successivamente le nubi aumenteranno decise pure su Liguria centrale e orientale, Toscana, Lazio, Campania e coste del basso tirreno (calabresi e siciliane). Col passare delle ore le precipitazioni diventeranno via via più frequenti sull'alta Toscana, sullo spezzino ed entro sera su Sardegna, Lazio e Campania. Rovesci intensi e temporali in nottata interesseranno le medesime regioni mentre comincerà a piovere anche in Emilia Romagna e in Veneto.

Poi domani, giovedì 2 dicembre, peggiora ancora. La perturbazione diventerà più impattante. Nubi e piogge bagneranno il Nordest, ma si concentreranno con maggior intensità su Toscana, Lazio e Campania. Non sono da escludere nubifragi in provincia di Roma, Rieti, Frosinone, Latina e Caserta. I venti soffieranno sempre più forti da Libeccio con raffiche fino a 80 km/h e possibilità di mareggiate sulle coste tirreniche. La neve sarà diffusa sugli Appennini e in Sardegna, ma a partire dai 1000-1200 metri di quota, debole invece sulle Alpi del Triveneto a partire dai 7-900 metri. Le temperature continueranno a rimanere piuttosto fredde al Nord dove ci sarà ancora la possibilità di qualche gelata anche in pianura.

Meteo, previsioni per sabato e domenica

E nel weekend che tempo farà? Prosegue il trend dell'ultimo periodo con l'Italia esposta ad una serie di perturbazioni di origine artica e nord-atlantica che con facilità affondano il colpo nel cuore dell'Europa e nel Bacino del Mediterraneo. L'Anticiclone delle Azzorre si mantiene defilato in Atlantico e fatica ad estendere la sua influenza all'Europa centro-meridionale, una situazione che per ora non sembra sbloccarsi. Ecco gli ultimi aggiornamenti sulla tendenza meteo per il weekend, secondo 3bmeteo.com.

METEO SABATO - Si allontana la perturbazione attuale, favorendo un break più stabile e soleggiato specie al sud. Ma una nuova perturbazione giungerà rapidamente dal Nord Europa determinando un nuovo peggioramento nel corso del giorno a partire da Alpi, Nord e regioni tirreniche dove sono attese piogge a partire dal pomeriggio. La neve cadrà sulle Alpi mediamente dai 700-1000 m, ma localmente anche fino a 500 m di altitudine. Neve inizialmente dai 1000-1300 m in Appennino, in rialzo. 

METEO DOMENICA - Tendenza al miglioramento al Nord dove tuttavia persisterà della variabilità su Alpi e Friuli-VG con clima più freddo e fiocchi di neve fino a quote basse. Spiccata instabilità al Centro-Sud con nuvolosità diffusa e rovesci irregolari, localmente anche temporaleschi. Neve in Appennino che da quote medio-alte tornerà a scendere fin sotto i 1000 m. Forti venti di Maestrale e Ponente su Sardegna e Tirreno, localmente burrascosi e con mareggiate lungo le coste esposte. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova ondata di maltempo: le regioni colpite

Today è in caricamento