rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Allerta siccità

In arrivo sull'Italia la tempesta di carnevale

Inverno assente sull'Italia fino a martedì grasso ma da martedì grasso è possibile un deciso cambio di scenario meteo

Inverno assente sull'Italia fino a martedì grasso, a causa della persistenza di un campo di alta pressione subtropicale che manterrà il tempo spesso stabile e con temperature sopra le medie del periodo. Secondo il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara il sole tuttavia non sarà garantito ovunque, anzi. "Non mancheranno nubi medio-basse marittime e locali nebbie, in particolare sul lato tirrenico, in Liguria e in Valpadana. Proprio sui settori liguri e sulle regioni tirreniche non si escludono anche sporadiche precipitazioni". Come detto i valori termici durante il giorno saranno decisamente sopra la norma, con massime in genere comprese tra 12 e 15 gradi ma punte anche superiori possibili al Sud, Sicilia e Sardegna.

Le previsioni meteo per i prossimi giorni

Nel dettaglio Venerdì 17 al nord bel tempo salvo nebbie in pianura e nubi in Liguria; al centro nebbie sulle valli, nubi marittime sulle coste tirreniche; al sud  soleggiato salvo nubi su coste tirreniche. Sabato 18 al nord nuvoloso e nebbioso, pioviggine in Liguria; al centro molte nubi in Toscana, sole altrove; al sud: sole prevalente salvo nubi in Campania. Domenica 19 al nord: nuvoloso; al centro pioviggine in Toscana; al sud nuvoloso in Campania.

"Dal 23-24 febbraio e nei giorni successivi giungono invece ulteriori conferme su un cambio deciso di scenario" avverte Ferrara. "L’anticiclone infatti dovrebbe venire smantellato dalla discesa di venti artici dal Nord Europa verso il Mediterraneo. Tuttavia ad oggi ci sono ancora ampi margini di incertezza sulla traiettoria di queste correnti, dalle quali dipenderà poi entità e distribuzione delle precipitazioni e l’andamento delle temperature".

In parole povere: è molto probabile assistere al ritorno di pioggia e neve (quantomeno in montagna) da metà della prossima settimana, ma non è ancora possibile stabilire nei dettagli dove pioverà/nevicherà di più o di meno. È comunque plausibile un sussulto invernale con successivo calo generale delle temperature a partire dal Nord, dove tra l’altro è auspicabile il ritorno della pioggia dal momento che le regioni settentrionali, ricordiamo, soffrono ancora un pesante deficit idrico (in particolare Piemonte e Lombardia occidentale).

deficit neve

L'inizio del 2023 è infatti contraddistinto da un drammatico prosieguo delle secche condizioni già registrate nel 2021 e 2022 e oramai da più di 24 mesi la siccità colpisce il Nord Italia. Fino alla fine di gennaio il problema era molto grave anche in Calabria e Sicilia, ma con l'arrivo del ciclone della scorsa settimana sono caduti 1-2 metri di neve, una manna per le falde idriche delle due regioni. Al Nord, invece, la siccità è aggravata dall'elevata evapotraspirazione con la perdita dell'umidità accumulata durante le rare piogge: in altre parole, l'acqua caduta sotto forma di pioggia o di neve è evaporata o si è fusa scorrendo via veloce verso il mare.

siccita-7

Il livello di riempimento del Lago di Garda è ai minimi storici da 35 anni, con circa il 34%; rispetto ad un anno fa (già siccitoso) l'acqua è più bassa di 60 centimetri. Il livello di riempimento del Lago Maggiore è pari al 38%, mentre Lago di Como e Lago d'Iseo presentano rispettivamente un valore del 20% e del 15%. E dopo la breve parentesi della prossima settimana tornerà di nuovo l'alta pressione e la pioggia sarà sempre troppo poca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arrivo sull'Italia la tempesta di carnevale

Today è in caricamento